Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Canicattì > Canicattì, servizio trasporto disabili sospeso da parte del comune. I familiari dei pazienti chiedono la riattivazione

Canicattì, servizio trasporto disabili sospeso da parte del comune. I familiari dei pazienti chiedono la riattivazione

La riattivazione del servizio di trasporto dei disabili presso il Cts, luogo dove effettuano le terapie. E’questo quanto chiedono le famiglie al comune di Canicattì con una lettera che è stata inviata al sindaco, all’assessore ai servizi sociali ed al dirigente dei servizi alla città. I familiari lamentano che ormai da due mesi il servizio di accompagnamento è stato sospeso dall’ente. I familiari erano stati rassicurati che lo stesso sarebbe ripreso nel più breve tempo possibile ma a distanza di tanto tempo invece  rimane bloccato. La situazione che si è venuta a creare crea dei disagi alle famiglie dei disabili che frequentano il Cts, i quali nonostante gli sforzi spesso non riescono a coprire le esigenze dei pazienti. Il servizio risulta sospeso al momento perché il  comune non fornisce gli autisti che possano guidare il mezzo sino al Centro di riabilitazione. Personale che viene reclutato attraverso le borse lavoro. Questo disservizio si ripercuote nei progetti riabilitativi dei pazienti che spesso sono costretti a causa della mancanza di accompagnamento al centro a dovere saltare le sedute mediche. L’auspicio, concludono i familiari dei pazienti disabili è quello che il servizio venga riattivato al più presto. Ma soprattutto che il comune possa fornire una continuità allo stesso senza alcuna interruzione in futuro.

Pubblicità Lirenas Gas

Articoli Simili

Su