Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Agrigento > L’omicidio dell’agricoltore ad Alessandria della Rocca, fermo convalidato. L’assassino resta in carcere

L’omicidio dell’agricoltore ad Alessandria della Rocca, fermo convalidato. L’assassino resta in carcere

E’ stato convalidato il fermo, e custodia cautelare in carcere confermata, per Gioacchino Di Liberto, 84 anni, di  Alessandria della Rocca, arrestato per l’omicidio del suo compaesano Liborio Plazza, di 72 anni, ammazzato mercoledì mattina, con due colpi di fucile, caricato a pallettoni, davanti ai terreni di assassino e vittima.

Lo ha deciso il Gip del Tribunale di Sciacca, Alberto Davico, che ha accolto la richiesta del sostituto procuratore Roberta Griffo, titolare del fascicolo, che ha coordinato le indagini, condotte dai Carabinieri della Compagnia di Cammarata, e dai loro colleghi del Nucleo investivo di Agrigento.

L’udienza di convalida si è svolta ieri mattina, nel carcere di Sciacca, dove l’anziano si trova attualmente detenuto. Di Liberto si è avvalso della facoltà di non rispondere. L’assassino è stato arrestato, 12 ore dopo avere compiuto il delitto, e messo alle strette dagli investigatori, aveva confessato ogni cosa. Il movente va ricercato nel rapporto burrascoso tra i due anziani, confinanti di terreno, che pian piano ha avuto un crescendo negli anni, terminato e culminato con l’ultima discussione, per l’esecuzione di alcuni lavori di manutenzione di un canalone, per il deflusso delle acque piovane.

Pubblicità Lirenas Gas

Ultime news

Su