Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Agrigento > Raffadali, botte a 16enne tunisino: identificato e denunciato l’aggressore

Raffadali, botte a 16enne tunisino: identificato e denunciato l’aggressore

I Carabinieri del Comando provinciale di Agrigento hanno identificato l’autore dell’aggressione ad Ahmed, il sedicenne di nazionalità tunisina, picchiato e insultato, nel pomeriggio di domenica, in una zona centrale di Raffadali. Si tratta di un impiegato quarantottenne, del luogo, denunciato in stato di libertà, alla Procura della Repubblica, per lesioni personali aggravate dall’odio razziale.

Ahemd, è arrivato con uno dei tanti barconi di disperati, partiti dalle coste tunisine e giunti nella fascia costiera agrigentina, e da circa un anno vive a Raffadali in un Centro, che si occupa dell’accoglienza dei minori. L’altro giorno, stava percorrendo un tratto di strada per tornare nella struttura.

All’improvviso un’autovettura si è fermato a pochi metri dal giovane. L’uomo alla guida, senza alcun motivo, dopo aver abbassato il finestrino, avrebbe invitato il giovane ad avvicinarsi al mezzo, e appena davanti, ha preso ad insultarlo. «Ritornatene nel tuo paese», gli ha urlato in faccia.

Poi il raffadalese, con violenza ha aperto la portiera, colpendo il giovane nordafricano al ginocchio. Poi è sceso dalla vettura ed ha rifilato un calcio “nelle parti basse” del ragazzo. Il minore e’ stato soccorso e trasportato al Pronto soccorso dell’ospedale “San Giovanni di Dio” di Agrigento. I medici in servizio gli hanno diagnosticato delle escoriazioni al ginocchio, e un lieve trauma ai genitali, giudicati guaribili in quattro giorni.

Pubblicità Lirenas Gas

Articoli Simili

Su