Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Delia, accoglienza disabili psichici: istituito Albo comunale IESA

Delia, accoglienza disabili psichici: istituito Albo comunale IESA

Decisivo passo a Delia per l’inserimento etero familiare supportato di adulti disabili psichici. Istituito l’Albo comunale IESA.

Ieri è stato pubblicato anche l’avviso pubblico per la presentazione delle istanze da parte delle famiglie disponibili all’ospitalità con i requisiti previsti dal protocollo d’intesa già stipulato tra il Comune di Delia e il Dipartimento di Salute Mentale Modulo di Caltanissetta.

“Siamo i primi in Sicilia – ha dichiarato il sindaco Gianfilippo Bancheri – Lo Iesa è un vero e proprio modello innovativo e alternativo al ricovero in una struttura sanitaria. L’inserimento etero familiare è una strategia vincente per contrastare l’isolamento dei pazienti nella società e avviare un percorso alternativo per favorire l’emancipazione di questi pazienti”.

L’inserimento familiare di persone adulte (Iesa) dà la possibilità alle famiglie, che dimostrano di avere i requisiti previsti dalla normativa, di accogliere persone con problemi psichiatrici, per un periodo determinato. Le famiglie ospitanti devono assicurare all’ospite una stanza ad uso personale e farsi carico dei suoi bisogni quotidiani essenziali. L’ospite deve essere insomma considerato una persona di famiglia. In cambio le famiglie ospitanti riceveranno un assegno di un contributo mensile. All’ospite verrà assicurato comunque, per tutto il periodo di accoglienza, un supporto specialistico professionale da parte dei Servizi di Salute Mentale .

Per avviare una pratica di accoglienza nella propria abitazione di una persona dichiarata idonea all’inserimento etero familiare bisogna prima iscriversi all’Albo comunale previa valutazione della commissione Iesa del Dipartimento di Salute Mentale di Caltanissetta.

I requisiti previsti sono l’età compresa fra i 25 e i 70 anni. La congruità del reddito rispetto alla composizione del nucleo familiare e alle esigenze del disabile. La condizione abitativa: la casa dell’affidatario deve essere idonea ad ospitare il disabile e priva di barriere architettoniche nel caso di compresenza di disabilità fisica. Inoltre l’affidatario non deve avere subito condanne penali ( da dismostrare con un certificato dei carichi pendenti).

Per le domande non c’è scadenza. Maggiori informazioni e chiarimenti presso l’ufficio servizi sociali del comune. Tel. 0922-823328. E-mail: servizisociali.delia@gmail.com – Pec: servizisociali.delia@pec.it

Lo Iesa è una pratica antica. Alcuni studiosi la fanno risalire al secolo XIII d.C. Nella città belga di Geel accogliere e prendersi cura degli ammalati psichici è una consuetudine plurisecolare.

Pubblicità Lirenas Gas

Articoli Simili

Su