Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Canicattì > CANICATTI’ NUCLEO OPERATIVO ITALIANO TUTELA ANIMALI ONLUS SCOSSE ELETTRICHE AI CANI PER NON FARLI ABBAIARE DENUNCIATO EX CONSIGLIERE COMUNALE DI CANICATTI’.

CANICATTI’ NUCLEO OPERATIVO ITALIANO TUTELA ANIMALI ONLUS SCOSSE ELETTRICHE AI CANI PER NON FARLI ABBAIARE DENUNCIATO EX CONSIGLIERE COMUNALE DI CANICATTI’.

Deteneva i suoi cinque cani da caccia, assieme a due furetti, chiusi giorno e notte dentro un garage angusto. Gli animali vivevano addirittura rinchiusi dentro piccolissime gabbie di ferro tra i loro escrementi e le proprie urine. Il fetore che fuoriusciva dallo stesso garage era insopportabile. Ma non solo. Per evitare di farli abbaiare, un ex consigliere comunale di Canicattì,  noto cacciatore, faceva anche indossare a due animali, i collari elettrici che emanano scariche elettriche tutte le volte che l’animale “prova” ad abbaiare.

Le diverse segnalazioni giunte alla sede nazionale del Nucleo Operativo Italiano Tutela Animali Onlus, hanno così fatto scattare il blitz. Lo scorso venerdì infatti, il Presidente dell’associazione Enrico Rizzi, supportato dall’Avv. Alessio Cugini, responsabile dell’ufficio legale dell’associazione, trovandosi in provincia per altra attività sempre legata alla tutela giuridica degli animali, ha deciso di andare a verificare personalmente la situazione.

Giunto sul posto ha pertanto chiesto l’intervento della Polizia Municipale e del Servizio Veterinario dell’ASP di Agrigento, che ha constatato l’evidente stato di sofferenza e maltrattamento degli animali, nonchè l’utilizzo di vari farmaci (vaccini, cortisone, ecc..) senza alcuna prescrizione medico veterinari

L’ex cosigliere  è stato pertanto denunciato a piede libero per il reato di maltrattamento di animali che prevede l’arresto fino a due anni ed una multa fino a 30 mila euro.

Tutti gli animali sono stati sottoposti a sequestro preventivo, comprese le gabbie utilizzate per la loro illecita custodia.

Il Presidente Nazionale del Nucleo Operativo Italiano Tutela Animali Onlus, ha già annunciato l’intenzione di costituirsi parte civile nell’instaurando procedimento penale e di chiedere nelle prossime ore al Sig. Questore di Agrigento, il ritiro immediato del porto d’armi, uso caccia.

Pubblicità Lirenas Gas

Articoli Simili

Su