Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Favara, rifondazione Comunista interviene sulla questione rifiuti

Favara, rifondazione Comunista interviene sulla questione rifiuti

Il partito della Rifondazione comunista interviene in merito alle ultime dichiarazioni dell’assessore ai rifiuti.

“Nel video che circola in rete l’assessore si prodiga a spiegare, con tanto di lavagnetta, le ragioni per le quali non si riesce a mantenere pulita la città e nel farlo fa un paragone con un non ben precisato paesino in provincia di Treviso.

La causa principale, a suo avviso, sono i favaresi che- si riporta testualmente “sporcano e deturpano l’ambiente, hanno costruito in maniera disordinata, in modo abusivo, se ne sono fregati del decoro urbano, hanno inquinato visivamente il territorio con costruzioni di 4 e 5 piani, ecc ecc”.

Quindi prosegue affermando che il servizio è efficiente al cento per cento, ma a causa dell’inciviltà di qualcuno Favara non potrà mai essere pulita. Eppure a noi tutti capita di vedere spesso casalinghe e negozianti, desiderosi di un po’ di “Treviso”, pulire autonomamente l’uscio di casa e a volte spazzare interi marciapiedi e strade!

Alla fine, però, l’assessore non offre soluzioni immediate, ma si limita ad esortare i cittadini a cambiare, tentativo di sensibilizzazione apprezzabile, ma non sufficiente per chi amministra la città ed un ramo così importante dell’amministrazione (rifiuti appunto).

In realtà Bennica, troppo occupato a realizzare video, forse non sa che ci sono zone della città che non vengono spazzate da tanto, troppo tempo e che per le stesse non può certo essere usato il termine “pulitissime”; forse il servizio non è poi così efficiente come sostiene?

Chissà se in provincia di Treviso (dove la gente è ed è sempre stata civile) vengono lasciate zone sommerse dalla spazzatura per settimane.

Eppure  in campagna elettorale  i penta stellati promettevano che avrebbero  migliorato e reso efficientissimo il servizio, che lo avrebbero gestito in House con una municipalizzata (Rifiuti zero- dicevano)  e che addirittura il Comune avrebbe realizzato proventi da una così efficiente gestione.

Sempre armati di lavagnetta sciorinavano dati da scienziati con i quali intendevano dimostrare o far credere come fosse facile raggiungere i suddetti obiettivi.

Forse pensavano di partecipare a qualche competizione elettorale in provincia di Treviso? forse non conoscevano la situazione favarese? o lo stato delle casse comunali con il conseguente possibile dissesto che avrebbe trasformato i loro punti programmatici in aria fritta?

Non sarebbe forse il caso di cambiare metodo di raccolta, così come scrivevano nel loro stesso programma elettorale (solo per fare un esempio i 5 stelle proponevano: piano per la gestione dei rifiuti zero nel territorio comunale; incentivare la riduzione della produzione di rifiuti e l’utilizzo della compostiera domestica da parte dei cittadini)?

Visto i precedenti (l’ultimo ad utilizzare la famigerata lavagnetta fu l’ex assessore Lillo Attardo) direi che le lavagnette non hanno sortito gli effetti sperati; al contrario un’incisiva azione amministrativa e la continua ricerca di soluzioni dirette al miglioramento e potenziamento del servizio potrebbero risultare più efficienti.

In ogni caso, SALVIAMO FAVARA DALLE LAVAGNETTE!

Pubblicità Lirenas Gas

Articoli Simili

Su