Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Agrigento > Piano triennale del Libero consorzio di Agrigento, l’ordine degli ingegneri esprime soddisfazione

Piano triennale del Libero consorzio di Agrigento, l’ordine degli ingegneri esprime soddisfazione

“Oggi, finalmente, dopo anni di latitanza dovuta alle arcinote vicende politiche e amministrative – commenta Furioso – apprezziamo l’elenco di progetti cantierabili, per la maggior parte già finanziati, per una viabilità provinciale che versa in condizioni disastrose”. L’ha detto il consigliere provinciale dell’ordine degli ingegneri di Agrigento Achille Furioso, alla conferenza stampa di presentazione del Piano presentato ieri al Libero consorzio.

“I liberi professionisti – ha aggiunto – accolgono con grande attesa la nuova stagione di collaborazione del Libero Consorzio con lo Stato centrale e la Regione. Ciò ha consentito di dare impulso a tanti lavori di manutenzione straordinaria sulla viabilità e sulle scuole, proprio grazie all’intervento dei fondi statali: Patto per il Sud, ex fondi Ponte sullo Stretto e fondi Cipe, oltre i fondi regionali”. Il consigliere Furioso ha manifestato inoltre la disponibilità dell’Ordine a fornire la propria collaborazione nella stesura dei disciplinari tipo dei futuri incarichi per incarichi esterni. In tal senso vi è stata piena condivisione con il segretario generale Moricca sul nuovo corso avviato nelle opere pubbliche dal decreto legislativo 50/2016 con particolare riferimento all’apertura agli incarichi ai liberi professionisti. Infatti il legislatore ha escluso per i dipendenti pubblici che svolgono la progettazione l’incentivo per le competenze tecniche”.

L’ingegnere Achille Furioso ha inoltre sottolineato come il nuovo Codice degli Appalti imponga che il Responsabile unico del procedimento debba essere un dipendente interno iscritto negli Albi professionali per appalti oltre un certo importo. L’ingegnere ha ribadito che ciò sarà garanzia di professionalità e ha invitato la governance del Libero Consorzio non solo prevedere l’adeguato aggiornamento professionale per i propri dipendenti che svolgeranno il ruolo di Rup, ma anche a selezionarli con attenzione, alla luce della maggior rilevanza che questa figura assume con le nuove normative. Quel che l’ingegnere auspica è la creazione di un clima di collaborazione tra libero professionista esterno e il tecnico dell’ente pubblico, in modo tale che il primo possa fornire quel know how specialistico indispensabile per la realizzazione di alcune tipologie di lavori, a cominciare dalla messa in sicurezza di tutte le scuole di competenza provinciale

Infine, il consigliere Furioso ha concluso il proprio intervento facendo rifermento all’impegno che ha assunto la Consulta regionale degli Ingegneri, riunitasi la scorsa settimana ad Agrigento, di portare all’attenzione degli interlocutori politici il rilancio del fondo di rotazione della progettazione che può essere un utilissimo strumento non solo per dare lavoro ai professionisti ma anche per non fare perdere ulteriori finanziamenti nazionali ed europei, rimandando al convegno che l’Ordine di Agrigento ha già programmato a tal proposito per il prossimo 28 settembre.

Pubblicità Lirenas Gas

Articoli Simili

Su