Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Agrigento > Omicidio di Favara, anziano confessa. Arrestato e portato in carcere

Omicidio di Favara, anziano confessa. Arrestato e portato in carcere

Ha confessato davanti ai Carabinieri e al Pubblico ministero Chiara Bisso. Vincenzo Galiano, il pensionato settantanovenne di Favara, dopo tre ore di interrogatorio, svolto al Comando provinciale dei Carabinieri di Agrigento, ha ammesso di avere sparato “uno o due colpi di pistola”, uccidendo il suo compaesano Baldassare Contrino di 73 anni.

L’omicidio è avvenuto, questa mattina, in via Felice da Sambuca, in contrada “Caltafaraci” alle spalle del collegio di Maria, nel quartiere di Favara Ovest.

Fra i due favaresi pare che vi fossero stati dissidi personali per vari e futili motivi. Stamattina si sono incontrati “per caso”, ha detto Galiano. Forse si è trattato davvero di un incontro causale, oppure come sospettano i Carabinieri, i due s’erano dati un appuntamento per un chiarimento.

Vi è stata una colluttazione, durante la quale, Contrino, avrebbe colpito l’altro con un’accetta. Il settantanovenne, a sua volta, ha reagito, ed avrebbe tirato fuori, un vecchio revolver, calibro 38, facendo fuoco.

Il settantatreenne, seppur raggiunto dalle pallottole, è riuscito a salire a bordo del trattore, ed ha cercato di allontanarsi. Poi si è accasciato sul volante, oramai privo di vita.

Scattato l’allarme sul posto sono arrivati i Carabinieri della Tenenza di Favara, e del Nucleo operativo e radiomobile della Compagnia di Agrigento, insieme al personale del Nucleo investigativo del Reparto Operativo, e i poliziotti della sezione Volanti di Agrigento. I militari hanno subito recuperato la pistola su un terreno.

L’anziano che, ha sparato, fuggito via, è stato rintracciato e fermato, poco dopo, a bordo della sua Lancia Y. E’ stato trasportato in ospedale, dove i medici gli hanno applicato alcuni punti di sutura alla testa. Poi è stato portato al Comando provinciale dell’Arma, dove i carabinieri e il Pm Chiara Bisso lo hanno interrogato.

Alla fine ha confessato il delitto. Galiano è difeso  dall’avvocato Calogero Vetro. Vincenzo Galiano è stato portato al carcere di contrada “Petrusa”.

Pubblicità Lirenas Gas

Ultime news

Su