Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Canicattì > Canicattì, il Calvario è nel degrado. M5S accusa la giunta comunale

Canicattì, il Calvario è nel degrado. M5S accusa la giunta comunale

Il M5S e il meetup Canicattì in MoVimento si dicono insoddisfatti della risposta ricevuta dall’assessore allo Sviluppo Territoriale, Rosa Maria Corbo, all’interrogazione presentata dal capogruppo Fabio Falcone sulle condizioni del Calvario.

“E’ a dir poco allucinante e falsa in molti punti” – sostengono i pentastellati, che addossano la responsabilità al sindaco Ettore Di Ventura “se ne deve fare carico visto che gli assessori li sceglie lui”.

“In pratica l’assessore risponde inizialmente minimizzando che non vi è un problema strutturale ma solo acqua che si infiltra a causa di difetti originali di costruzione tipo le scale ed il piano di calpestio che non sono stati costruiti per niente a regola d’arte – spiegano – Poi afferma di stare ulteriormente tranquilli perché una settimana prima delle festività pasquali è intervenuto l’ ufficio tecnico con dei sopralluoghi. Richiediamo allora le copie dei verbali di questi sopralluoghi ma ci risponde che non esiste alcun verbale visto che non hanno tutto questo tempo per stilarli. Nella sua risposta aggiunge che la ristrutturazione del Calvario è stata inserita nel piano triennale delle opere pubbliche, quindi tranquilli, è solo questione di tempo. Ma anche questa è una falsa notizia – aggiungono – ci siamo letti e riletti il piano triennale delle opere pubbliche, la ristrutturazione del Calvario non c’è, punto. Il Calvario non è in possesso dell’agibilità anzi nella stessa situazione versa l’80 % dei beni pubblici. Adesso sì che possiamo stare tranquilli – ironizzano – Alla nostra richiesta se esista o meno un regolamento per l’uso e la gestione dello stesso, l’assessore pensa di chiudere la partita rispondendo che non l’hanno ereditato. Questa ci mancava e quasi ci vien da ridere per non piangere”.

Infine, i 5 Stelle svelano che Fabio Falcone “quando nei mesi scorsi, nelle sue funzioni di consigliere comunale ha chiesto di effettuare l’ispezione al Calvario, ha dovuto aspettare che fosse un privato cittadino, Presidente di un’associazione religiosa, ad aprirgli la porta”.

Pubblicità Lirenas Gas

Articoli Simili

Su