Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Agrigento > Agrigento, sospeso sciopero operai agricoli. Ma resta stato di agitazione

Agrigento, sospeso sciopero operai agricoli. Ma resta stato di agitazione

E’ stato sospeso  lo sciopero degli operai agricoli e florovivaisti previsto per giorno 15 giugno per protestare contro Confagricoltura-Cia- Coldiretti che si erano rifiutate di accogliere gran parte delle richieste contenute nella piattaforma unitaria per il rinnovo del CCNL.

La Flai Cgil di Agrigento con il suo gruppo dirigente e il suo Segretario Generale Giuseppe Di Franco ha svolto nei giorni scorsi diverse assemblee nelle aziende agricole più importanti della Provincia di Agrigento per informare e sensibilizzare i lavoratori del pericolo che attraversa la categoria, e ha invitato a sottoscrivere l’ ordine del giorno contro la rottura delle trattative;

La Flai Cgil-Fai Cisl e Uila Uil di Agrigento avevano indetto inoltre un sit-in davanti la Prefettura e richiesto  un incontro al Prefetto in concomitanza con la giornata di sciopero.

“Nelle intenzioni delle controparti – spiega il Segretario della Flai Cgil di Agrigento, Giuseppe Di Franco – oltre a non accettare le richieste del sindacato, ci sono la volontà di cancellare l’orario giornaliero di 6,30 ore e l’ipotesi di un salario minimo nazionale che andrebbe ad abolire l’attuale modello contrattuale e penalizzare i lavoratori dal punto di vista previdenziale e contributivo, con un danno sulle indennità a sostegno e ad integrazione del reddito. Infine le Organizzazione datoriali avevano manifestato una totale chiusura ad impegnarsi  affinché la Legge 199/2016 contro lo sfruttamento e il caporalato diventi operativa con l’attivazione delle sezioni territoriali della Rete del Lavoro Agricolo di Qualità, con l’obiettivo di tutelare i lavoratori e le aziende sane cercando di isolare chi sfrutta e si arricchisce ai danni della povera gente. In virtù della nota di Coldiretti Cia e Confagricoltura con la quale è stato riconvocato il tavolo della trattativa per il 19 giugno alle 10,30 con la speranza di chiudere un contratto che rafforzi i diritti individuali e sindacali, organizzazioni sindacali hanno deciso di sospendere lo sciopero ma di mantenere lo stato di agitazione”.

Pubblicità Lirenas Gas

Articoli Simili

Su