Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Agrigento > Rubano in una villetta confiscata alla mafia, arrestati due empedoclini

Rubano in una villetta confiscata alla mafia, arrestati due empedoclini

Una villetta un po’ isolata a Siculiana, poteva sembrare un facile “colpo” per due empedoclini, già noti alle forze dell’ordine.
L’arrivo dei carabinieri li ha colti di sorpresa. Le manette ai polsi sono scattate per due “topi d’appartamento”, Gerlando Attardo, e Alessio Migliara, entrambi 35enni, originari di Porto Empedocle, con l’accusa di furto in abitazione.

I due malfattori, approfittando del fatto che l’immobile non era abitato, in quanto confiscato alla mafia, erano riusciti ad entrare indisturbati nell’abitazione, in pieno giorno, rovistando e mettendo a soqquadro tutte le stanze, arraffando ogni cosa.

Ai ladri, che stavano saccheggiando l’immobile, è stato fatale però l’improvviso latrare insistente di alcuni cani, che da qualche tempo vivevano nel giardino della villa. Infatti, in quel momento stava rincasando un vicino, che si è subito insospettito, ed ha telefonato al centralino del 112.

In un “lampo” sono accorse due pattuglie dei carabinieri della Stazione di Siculiana, già impegnate in vari posti di blocco sul territorio, che dopo aver circondato la villetta, hanno fatto irruzione all’interno, sorprendendo i due empedoclini ancora con le mani nel sacco. A bordo del loro Fiorino, i due avevano persino già caricato una cappa da cucina, ed un tapis roulant.

Dai loro indumenti, durante le perquisizioni, sono saltati fuori altri oggetti di ogni genere e numerosi arnesi atti allo scasso, subito sequestrati. E così, grazie alla preziosa telefonata ricevuta da un cittadino, i carabinieri hanno fatto scattare le manette. L’Autorità giudiziaria ha subito disposto gli arresti domiciliari.

 

Pubblicità Lirenas Gas
Pubblicità EuroBet

Articoli Simili

Su