Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Agrigento > Inchiesta Montante. Indagati Catanzaro, Crocetta, Lo Bello e Brandara

Inchiesta Montante. Indagati Catanzaro, Crocetta, Lo Bello e Brandara

Il siculianese Giuseppe Catanzaro, presidente di Sicindustria, è indagato nell’ambito dell’inchiesta, che ha già travolto l’ex numero uno degli industriali siciliani, Antonello Montante. A Catanzaro gli è stato notificato un invito a comparire, quale persona sottoposta a indagini, per reati che attengono ai rapporti con la politica, per essere interrogato dai pubblici ministeri della Procura di Caltanissetta. Il nome di Catanzaro, proprietario della discarica di contrada “Matarana”, a Siculiana, viene più volte citato nell’ordinanza d’arresto di Montante.

La Squadra Mobile, nel pomeriggio, ha notificato una serie di avvisi di garanzia su disposizione dei pm nisseni. Tra gli altri risultano indagati Rosario Crocetta, ex presidente della Regione siciliana. Le accuse sono associazione a delinquere finalizzata alla corruzione e al finanziamento illecito. E’ accusato di aver messo in giunta due fedelissime di Montante.
Per gli stessi reati sono indagati anche gli ex assessori alle Attività produttive Linda Vancheri e Mariella Lo Bello, e l’ex presidente dell’Irsap (l’ente regionale per lo sviluppo delle attività produttive) Mariagrazia Brandara, oggi commissario straordinario al Comune di Licata.

Montante avrebbe “pilotato” le scelte del governo Crocetta. Significative alcune sue frasi intercettate dalla Squadra Mobile, durante un dialogo in auto tra Montante, Lo Bello e Brandara. Tra queste spicca: ” Con le attività produttive si può fare la terza guerra mondiale”.

Pubblicità Lirenas Gas
Pubblicità EuroBet

Articoli Simili

Su