Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Delia, Bancheri non si fa intimorire e conferma candidatura. Tanti attestati di solidarietà

Delia, Bancheri non si fa intimorire e conferma candidatura. Tanti attestati di solidarietà

Il sindaco di Delia Gianfilippo Bancheri ha confermato di candidarsi alle prossime amministrative pronto per governare il paese per altri 5 anni. L’ufficialità è arrivata dopo l’incendio della sua auto, avvenuto nella notte.

“Hanno bruciato la macchina ma non potranno mai bruciare l’ more che nutro per i miei Cittadini e per il mio Paese – ha affermato Bancheri – Il 10 Giugno scriveremo insieme un’ altra bella pagina del nostro Comune. Aavanti, avanti, avanti”.

Intanto, la comunità si è stretta attorno al suo sindaco che ha ricevuto moltissimi attestati di solidarietà, a cominciare dalla sua pagina Facebook inondata da messaggi di amici, colleghi, politici e cittadini.

“Appresa la notizia dell’atto intimidatorio nei confronti di Gianfilippo  Bancheri, Sindaco di Delia, non posso che esprimere la più risoluta condanna per la viltà dimostrata dagli attentatori – ha affermato il sindaco di Naro, Lillo Cremona – Nel manifestare la  mia incondizionata solidarietà e sincera vicinanza a Gianfilippo  Bancheri, lo invito a proseguire nella sua azione politica e amministrativa e  nel suo cammino di legalità , continuando a produrre risultati significativi per la comunità da egli governata. A nome mio personale, della Giunta, del Consiglio Comunale e della Comunità di Naro, auspico che fatti del genere non abbiano più a verificarsi e rinnovo i sensi di stima più sincera nei confronti del collega di Delia che ha tanto dato per la sua Comunità, consentendone in modo visibile  lo sviluppo e il miglioramento della qualità della vita”.

“Siamo al suo fianco – ha detto il sindaco di Caltanissetta, Giovanni Ruvolo -. Questi atti intimidatori dimostrano che esistono sacche di resistenza nei confronti di chi opera per il bene comune. Siamo certi – prosegue Ruvolo – che il sindaco Bancheri proseguirà con determinazione nel suo lavoro. Come sindaci fronteggeremo chi intende scoraggiare, con atti inqualificabili e criminali, l’azione politica finalizzata a far crescere la comunità”.

“Solidarietà e vicinanza al Sindaco di Delia Gianfilippo Bancheri per il vile atto intimidatorio subìto – ha dichiarato il presidente del consiglio comunale di Canicattì, Alberto Tedesco – E’ veramente inquietante questo continuo verificarsi di atti intimidatori prodotti ai danni di tanti amministratori locali che, in un momento storico così difficile per il nostro Paese, lavorano tra innumerevoli difficoltà per la crescita ed il benessere della loro comunità”.

“Nell’auspicare che venga fatta chiarezza, al più presto, sul ripugnante episodio accaduto all’amico Gianfilippo – ha commentato il sindaco di Canicattì, Ettore Di Ventura – chiediamo alle Istituzioni interventi certi e non solo solidarietà”.

 

Pubblicità Lirenas Gas
Pubblicità EuroBet

Articoli Simili

Su