Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Agrigento > Agrigento, botte alla convivente. La polizia ripristina la calma e scopre dell’altro

Agrigento, botte alla convivente. La polizia ripristina la calma e scopre dell’altro

Litigano per questioni di gelosia, e lui picchia lei. I poliziotti accorsi per sedare la lite in famiglia, dopo avere ripristinato la calma, scoprono dell’altro: un allaccio abusivo alla rete elettrica. Nei guai sono finiti un uomo e una donna, trentenni, di nazionalità tunisina, denunciati, in stato di libertà, alla Procura della Repubblica di Agrigento, con l’accusa di furto aggravato di energia elettrica.

Tutto quanto è accaduto, in un’abitazione, nella zona soprastante la via Atenea, nel centro storico di Agrigento. Secondo una prima ricostruzione l’uomo per futili motivi, probabilmente accecato dalla gelosia, ha avuto una discussione con la compagna, e avrebbe alzato le mani alla donna. Una segnalazione è giunta al centralino del 113.

Sul posto gli agenti della sezione Volanti, i quali, hanno sedato il litigio, e in poco  tempo ripristinato la calma. Ma gli investigatori si sono insospettiti anche dall’atteggiamento mostrato dall’uomo. L’attenzione si è concentrata al contatore. I poliziotti, in questo caso, collaborati dal personale della società “Enel distribuzione”, hanno scoperto un allaccio abusivo alla rete elettrica. I due si erano attaccati alla linea per alimentare la propria abitazione.

Pubblicità Lirenas Gas
Pubblicità EuroBet

Articoli Simili

Su