Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Agrigento > Omicidio Vinci. L’esame di Lodato: “Quella sera non ho assunto cocaina”

Omicidio Vinci. L’esame di Lodato: “Quella sera non ho assunto cocaina”

“La sera del fatto non avevo assunto cocaina. Ero solo ubriaco, come tante altre persone”. Lo dice nel corso dell’esame, in aula, il trentacinquenne canicattinese Daniele Lodato, imputato al processo, in corso di svolgimento col rito abbreviato, per l’omicidio di Marco Vinci, il ventiduenne canicattinese accoltellato a morte, la notte tra il 17 ed il 18 giugno dell’anno scorso, dopo che il più giovane aveva difeso una donna dalle presunte e insistenti avances del primo.

Lodato aveva chiesto e ottenuto di essere sentito per raccontare la propria versione dei fatti. La strategia difensiva è però cambiata. Dinnanzi al Giudice per le udienze preliminari Alfonso Malato, il 35enne accusato di omicidio, ha fatto un passo indietro rispetto a quanto ha dichiarato, nel corso dell’interrogatorio reso la notte del delitto, ai magistrati della Procura  di Agrigento.

“Quella sera ho bevuto alcolici – ha affermato – . Ma non ho preso  cocaina. Il mio avvocato precedente mi ha consigliato di dire questo”. Lodato ha risposto alle domande del giudice, del pm Alessandra Russo, dell’avvocato di parte civile Santo Lucia, e del suo difensore Angela Porcello.

Le nuove dichiarazioni, hanno spinto il Pm a chiedere una trasmissione degli atti alla Procura per l’accusa di “false informazioni al pubblico ministero”, e per “calunnia per avere accusato l’avvocato precedente”.

Quindi Lodato ha cambiato versione e avrebbe, falsamente detto, che era stato consigliato dall’ex difensore circa il fatto dell’assunzione della cocaina prima dell’omicidio. “Tale versione è palesemente falsa – dice l’avvocato, all’inizio della vicenda, difensore dell’imputato – poiché prima dell’omicidio il pm non ha   consentito che io parlassi con lui per garantire la genuinità del racconto”. Infatti il pm ieri ha trasmesso gli atti alla Procura per le false dichiarazioni.

Si torna in aula l’11 maggio per la requisitoria del pm Russo.

 

Pubblicità Lirenas Gas
Pubblicità EuroBet

Articoli Simili

Su