Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Agrigento > Villaggio Scala dei Turchi, chieste 4 condanne e 8 rinvii a giudizio

Villaggio Scala dei Turchi, chieste 4 condanne e 8 rinvii a giudizio

Il pubblico ministero Antonella Pandolfi, al termine della sua requisitoria, ha chiesto la condanna dei quattro imputati, che hanno scelto il rito abbreviato, e otto rinvii a giudizio, al processo, in corso di svolgimento davanti al gup del Tribunale di Agrigento, Francesco Provenzano, per le presunte irregolarità nella realizzazione del “Borgo Scala dei Turchi” o meglio noto come “Villaggio dei Vip” (un complesso di villette a schiera, mai realizzate, poco distante la scogliera di marna bianca).

“Il piano di lottizzazione era illegittimo, la perizia disposta dal tribunale che dice il contrario non va neppure presa in considerazione”, uno dei passaggi del pm Pandolfi. Chiesti 2 anni di reclusione per quattro imputati, che hanno scelto l’abbreviato. Si tratta di Gaetano Caristia, 72 anni, di Caltagirone e residente in Siracusa, presidente della “Comaer”; Sebastiano Comparato, 83 anni, di Mistretta, legale rappresentante e socio maggioritario della “Comaer”; Antonino Terrana, 60 anni, di Grotte, dirigente della Soprintendenza di Agrigento; e Giovanni Francesco Barraco, 57 anni, direttore dei lavori.

Per tutti gli altri imputati, che non hanno avanzato richiesta di riti alternativi, il pm ha chiesto il rinvio a giudizio.
Si tratta di Giuseppe Farruggia, 64 anni, ex sindaco di Realmonte nonché progettista della lottizzazione “Comaer”; Giuseppe Vella, 59 anni, di Realmonte, responsabile del settore Urbanistica del Comune di Realmonte; Cristoforo Giuseppe Sorrentino, 54 anni, di Porto Empedocle, tecnico dell’Utc di Realmonte, responsabile del procedimento della lottizzazione “Comaer”; Vincenzo Caruso, 62 anni, di Agrigento, già dirigente del Servizio per i beni paesistici, naturali, naturalistici ed urbanistici della Soprintendenza; Agostino Friscia, 65 anni, di Sciacca, dirigente della Soprintendenza; e Calogero Carbone, 65 anni, di Agrigento, già dirigente del Servizio per i beni paesistici, naturali, naturalistici ed urbanistici  della Soprintendenza; Daniele Manfredi, 57 anni, di Avola, direttore dei lavori; Giovanni Farruggia, 61 anni, di Realmonte, direttore dei lavori per le opere di urbanizzazione relative alla lottizzazione della “Comaer”.

 

Pubblicità Lirenas Gas

Articoli Simili

Su