Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Agrigento > Viadotto Petrusa, residenti citano Anas e chiedono risarcimento danni

Viadotto Petrusa, residenti citano Anas e chiedono risarcimento danni

 

“Gli abitanti di contrada Petrusa hanno deciso di citare in giudizio l’Anas, per il risarcimento patrimoniale del danno, delegando l’Adiconsum e Cisl, attraverso il legale dell’associazione dei consumatori, a sostenerli e rappresentarli il 25 settembre 2018 dinanzi il Tribunale di Agrigento”. Lo rendono noto Maurizio Saia, Segretario Cisl, e Giuseppe Bosciglio,
Responsabile Adiconsum, i quali denunciano che “sono trascorsi 16 mesi e la mancata ricostruzione del ponte causa tuttora enormi disagi per studenti e pendolari, costretti a percorsi alternativi che oltre ad essere inadeguati per il grande flusso circolatorio, costringono ad allungare le percorrenze”.

“Riteniamo dagli atti in nostro possesso – sottolineano – che l’Anas S.p.a. è l’unica responsabile della demolizione e della mancata ricostruzione del ponte Petrusa, che ad oggi continua ad arrecare danni patrimoniali, in particolare agli abitanti della zona. Non è pensabile che l’Anas si possa sostituire nel governo del territorio nella programmazione della viabilità, tanto da stabilire sull’opportunità e l’utilità della ricostruzione dell’importante arteria, dimostrando la limitata conoscenza del territorio e la scarsa sensibilità sociale, legata secondo noi a scelte errate, errori di progettazione e risorse finanziarie utilizzate – concludono – per altre infrastrutture”.

Il Viadotto Petrusa, che collegava Favara ad Agrigento, era stato smontato in occasione dell’esecuzione dei lavori di rifacimento della statale 640 Agrigento – Caltanissetta.

Pubblicità Lirenas Gas
Pubblicità EuroBet

Articoli Simili

Su