Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Agrigento > Ordinanza annullata, albergatore agrigentino torna libero

Ordinanza annullata, albergatore agrigentino torna libero

Torna completamente libero l’albergatore agrigentino Vincenzo Sinatra, 82 anni, accusato dalla Procura di avere acquistato (a un prezzo “stracciato”), grazie ad alcuni presunti accordi collusivi con funzionari della Regione Siciliana, un’area demaniale inalienabile, all’interno di Villa Genuardi, poi trasformata in parcheggio annesso all’hotel. Lo ha deciso il Tribunale del Riesame di Palermo, che ha annullato l’ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari.

“Nessuna collusione con i funzionari, ma una semplice trattativa, per acquistare il terreno”, la tesi della difesa di Sinatra, gli avvocati Antonino e Vincenza Gaziano. Tesi accolta dai giudici del Riesame, che hanno rimesso in libertà l’albergatore. Nei giorni scorsi a Sinatra era stato notificato un nuovo provvedimento firmato dal Gip del Tribunale di Palermo, Marcella Ferrara, ed è stato disposto, poiché il reato sarebbe stato commesso in territorio palermitano.

La prima ordinanza cautelare era stata firmata dal Gip del Tribunale di Agrigento, Francesco Provenzano, su richiesta del pubblico ministero Alessandra Russo, titolare dell’inchiesta. Sinatra è accusato di falso e abuso di ufficio.

Pubblicità Lirenas Gas
Pubblicità EuroBet

Articoli Simili

Su