Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Agrigento > Morte Chiara, i periti: “L’automobilista ha frenato in tempo”

Morte Chiara, i periti: “L’automobilista ha frenato in tempo”

I due periti incaricati dal giudice del Tribunale di Agrigento, Maria Alessandra Tedde, di  ricostruire la dinamica dell’incidente stradale, in cui perse la vita ventiquattrenne agrigentina Chiara La Mendola, sembrano escludere qualsiasi responsabilità dell’anziano alla guida della Nissan Micra, Giuseppe Valenti, ottantenne di Agrigento, accusato di omicidio colposo.  Secondo l’accusa avrebbe frenato in ritardo, e si sarebbe spostato dal margine destro della carreggiata non riuscendo a evitare l’urto con lo scooter con alla guida la ragazza, che avrebbe perso il controllo del mezzo a causa di una buca presente sull’asfalto. Non la pensano così i periti. “La velocità tenuta dall’automobilista era fra i 42 e i 47 chilometri orari, quindi, sotto il limite massimo, e ha frenato in un secondo rientrando nei tempi di reazione media”, hanno spiegato in aula i due ingegneri, chiamati a fare chiarezza sul tragico sinistro. l’incidente stradale si verifica il 30 dicembre del 2013, in  via Cavaleri Magazzeni, tra il viale Cannatello e San Leone.

Pubblicità Lirenas Gas
Pubblicità EuroBet

Articoli Simili

Su