Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Agrigento > Autopsia conferma, Ferraro centrato cinque volte

Autopsia conferma, Ferraro centrato cinque volte

Cinque colpi di pistola hanno attinto il quarantunenne favarese Emanuele Ferraro, ammazzato da un killer solitario. Queste le prime indiscrezioni sull’autopsia eseguita, ieri mattina, sul cadavere del favarese ucciso in un agguato, verso le 9,40 di mercoledì mattina, in via Armando Diaz, una stradina a poche centinaia di metri dalla chiesa Madre di Favara. L’esame autoptico è stato eseguito, da un medico legale dell’Università degli Studi di Palermo, nella sala mortuaria del cimitero di Favara. Naturalmente come da prassi l’esperto di medicina legale, si è preso una sessantina di giorni per consegnare la relazione, al pubblico ministero della Dda di Palermo, Alessia Sinatra, il magistrato che si sta occupando sulla lunga scia di sangue sull’asse Favara – Liegi. Sulle indagini condotte dal personale della Squadra Mobile di Agrigento, emergono altri particolari. La pistola usata dal killer per ammazzare Ferraro si sarebbe inceppata, non una, ma ben due volte. L’assassino avrebbe utilizzato una calibro 7,65 semiautomatica. Avrebbe aspettato il momento giusto per colpire.  Appena ha visto arrivare il Fiat Fiorino con alla guida la vittima, ha aspettato che aprisse lo sportello, e affiancandolo, ha aperto il fuoco da distanza ravvicinata, centrando il favarese.

Pubblicità Lirenas Gas

Articoli Simili

Su