Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Agrigento > Cupa, sindacati: “Ora basta, si arrivi ad un punto di svolta oppure si commissari l’ente”

Cupa, sindacati: “Ora basta, si arrivi ad un punto di svolta oppure si commissari l’ente”

A pochi giorni dalla chiusura dell’offerta formativa delle singole università (30 aprile) il nostro CUPA si presenta in questo “mercato” offrendo che cosa? A chiederlo sono i Segretari Generali Provinciali di Cgil, Cisl e Uil, Massimo Raso,  Maurizio Saia  e Gero Acquisto.

“Al netto di tutte le buone intenzioni ed i tentativi posti in essere, ci ritroviamo con i 21 studenti del corso di mediazione linguistica e culturale e con quelli che stanno concludendo gli anni precedenti e sono, quindi, ad esaurimento  – affermano – Non è possibile assistere ogni giorno a questo “balletto” mortificante per le intelligenze di tutti. Per cui, una volta per tutte, occorre a nostro avviso: definire una volta per tutte il rapporto con UNIPA e la convenzione che ci lega. Non ci sono altre vie : o UNIPA decide che Agrigento è importante e decide di investirVi oppure rendiamoci liberi a stipulare analoga convenzione con qualsiasi Università Italiana (prima di andare in Romania vanno esplorati i rapporti con le mete preferite dagli studenti agrigentini che si riversano in ogni dove. CGIL CISL UIL AGRIGENTO si erano dichiarate favorevoli ad una “riappropriazione” da parte del territorio di questa struttura ed abbiamo dichiarato apprezzamento per quanto si è cercato di fare prima con la nomina di Armao e poi con quella di Busetta, ma debbono constatare che così non si va avanti. Agrigento – concludono – è devastata dalla crisi: meno lavoro, più povertà, meno istruzione e sempre più giovani che abbandonano la città e che ci tolgono la possibilità di riscatto e di futuro, non possiamo permetterci di perdere pure questa opportunità chiamata CUPA”.

 

Pubblicità Lirenas Gas

Ultime news

Su