Favara, l’assassino di un boss dietro la guerra di mafia

Dalla "pace" ai contrasti, fino alla "scintilla", che avrebbe lasciato spazio al piombo: l'agguato di sicuro stampo mafioso, in cui è rimasto vittima Carmelo Bellavia, per tutti in paese "Melo Carnazza", ucciso come un boss il 26 gennaio del 2015. Da quell'omicidio è sorta una "frattura" insanabile, ecco spiegata la ...Continua

Cosa Nostra agrigentina condiziona decisioni politico-amministrative

Cosa Nostra agrigentina rimane protesa al condizionamento delle decisioni di carattere politico-amministrativo del nostro territorio. Lo dimostrano i "procedimenti inerenti l’indirizzamento del consenso elettorale verso prescelti candidati", e "la realizzazione di numerosi atti intimidatori sul territorio della provincia in danno di pubblici amministratori (come segnalato nel corso della sua audizione ...Continua