Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Sciacca, allarme per altri venti cani scomparsi. Due imprenditori sospettati per la strage

Sciacca, allarme per altri venti cani scomparsi. Due imprenditori sospettati per la strage

Da qualche giorno gli animalisti di Sciacca, hanno segnalato alle forze di polizia, la scomparsa di almeno altri venti cani tra i randagi. Come si ricorda il 16 febbraio scorso in contrada “Muriace” sono stati trovati 30 cani morti per avvelenamento. Qualcuno ha sistemato oltre cento “bocconcini” di carne preparati con un insetticida. La Procura della Repubblica di Sciacca, ha aperto un’inchiesta, e ha individuato due sospetti, padre e figlio, imprenditori, che hanno un’azienda vicino al branco assassinato. Non si esclude però che ad agire sia stato qualcuno che è stato morso in passato. A Sciacca, secondo le ultime stime, ci sono 200 randagi. Da tempo i cittadini avevano segnalato alle autorità proposte aggressioni, e la paura per i branchi, che gironzolavano tra il centro e le zone periferiche della cittadina agrigentina.
 

Pubblicità Lirenas Gas

Articoli Simili

Su