Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Canicattì > Canicattì, Corte dei Conti conferma: consuntivo 2015 da rivedere

Canicattì, Corte dei Conti conferma: consuntivo 2015 da rivedere

Non è di certo delle migliori la situazione che descrive la Corte dei Conti per il comune di Canicattì nella pronuncia sulla regolarità finanziaria del rendiconto 2015 e del bilancio di previsione 2016-2018.

Lo scorso mese di dicembre il sindaco Ettore Di Ventura, il segretario comunale Domenico Tuttolomondo e la dirigente dei servizi finanziari Carmelina Meli erano stati convocati a Palermo per fornire dei chiarimenti. Ma i giudici contabili hanno li hanno ritenuti poco esaustivi.  Così la Corte dei conti ha stabilito che nel rendiconto 2015 sussistono tutte le irregolarità che venivano contestate e che lo stesso venga trasmesso al consiglio comunale ai fini dell’adozione delle misure correttive.

I giudici hanno sottolineato la scarsa solidità finanziaria dell’ente, come dimostrato dai continui ricorsi da parte del comune all’anticipazione di tesoreria che nel 2015 è scresciuta a oltre 8 milioni di euro.

Il Comune ad oggi avrebbe debiti di oltre 19 milioni di euro, in aumento rispetto all’esercizio precedente. In crescita anche i debiti fuori bilancio; nel 2015 quelli riconosciuti erano circa 900 mila euro, mentre 99 mila erano in attesa di riconoscimento; i pagamenti in base a sentenze e provvedimenti ammontano a 487 mila euro. A gravare sulle casse municipali le pendenze economiche come quella nel settore rifiuti di circa 2 milioni di euro. Poi ci sono debiti nei confronti di Enel, Edison, ditta Gaia per l’illuminazione pubblica di circa 3 milioni di euro.

Per cercare di rientrare dalle pendenze, l’ente aveva messo in vendita i propri beni, ma queste soluzioni per i giudici contabili potrebbero rivelarsi poco attendibili per il finanziamento dei debiti fuori bilancio, atteso il risultato conseguito ad oggi in materia di recupero di tasse che non vengono pagate.

Infine, a peggiorare la situazione  le partecipate, con l’incapacità di conciliazione dei rapporti creditori e debitori tra l’ente e gli organismi partecipati.

La pronuncia della Corte dei Conti

Corte dei Conti su Comune Canicattì

Pubblicità Lirenas Gas
Pubblicità EuroBet

Articoli Simili

Su