Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Agrigento > Scommesse illegali, perquisizioni e sequestri in 4 province. C’è anche Agrigento

Scommesse illegali, perquisizioni e sequestri in 4 province. C’è anche Agrigento

Ci sono anche degli agrigentini e dei nisseni tra i convolti nel blitz della Guardia di Finanza che ha fatto luce su un giro di presunte scommesse illegali tra la Sicilia, la Campania e Malta.

Perquisizioni e sequestri sono state eseguiti da militari della guardia di finanza in esercizi commerciali (tra agenzie di scommesse sportive, bar, sale gioco e biliardo), ed abitazioni private nell’ambito dell’inchiesta della Procura di Ragusa sull’organizzazione e la raccolta di scommesse illegali per allibratori esteri non autorizzati.

Sono state denunciate 15 persone per esercizio abusivo di attività di giochi e scommesse e sono stati sottoposti a sequestro oltre 80 fra computer ed apparecchiature informatiche, denaro contante ed assegni per oltre 113 mila euro. Dalla documentazione rinvenuta, liste di clienti e somme di denaro giocate, emerge una significativa movimentazione di denaro raccolto nella attività di scommesse, pari a circa un milione di euro in soli 8 mesi. Le indagini delle Fiamme Gialle ragusane hanno interessato anche Porto Empedocle, Naro, Ciancian, oltre che Gela, Scordia (Catania), Acate e Pedalino (Ragusa), Ragusa e Cava dei Tirreni (Salerno).

Dalle indagini emerge che indagati organizzavano e raccoglievano denaro attraverso agenzie di scommesse sportive a favore di allibratori esteri, non riconosciuti sul territorio nazionale da parte dell’amministrazione autonoma dei monopoli di Stato.

Pubblicità Lirenas Gas

Ultime news

Su