Tu sei qui
Home > Vivere e Capire > Perché Dio cerca l’uomo? La risposta può sorprendere

Perché Dio cerca l’uomo? La risposta può sorprendere

L’uomo, essere finito, caduco, limitato, “cerca Dio nell’interiorità della sua coscienza” (S. Agostino), così facendo, egli, può raggiungere a un traguardo parziale: “Dio è per lui Essere e Verità, Trascendenza e Rivelazione, Padre e Figlio (Logos). Le due prime persone della Trinità ci manifestano all’uomo come ricerca; l’altra, cioè lo Spirito Santo, si manifesta come amore” (S. Agostino). 

Perché l’uomo raggiunga la piena comprensione di Dio, ha bisogno di accogliere ciò che il Padre rivela di se stesso. “Voglio avvicinarmi per osservare questo spettacolo straordinario: perché questo roveto brucia” senza consumarsi? Esodo 3,3.) Ed ecco, una voce si leva da quel roveto in fiamme: “Io sono colui che sono!” (3,14.)

Dio, quindi, viene a cercare l’uomo e si rivela a lui nella sua vera essenza: “Io sono”! Una domanda da sempre l’uomo si è posto: Perché Dio cerca l’uomo? Quali motivazioni lo spingono a farlo? La risposta la troviamo nello stesso libro dell’Esodo al capitolo terzo: E Dio disse a Mosè, “ho osservato la miseria del mio popolo in Egitto e ho udito il suo grido a causa dei sorveglianti; conosco, infatti, le sue sofferenze. Sono sceso per liberarlo dalla mano dell’Egitto e farlo uscire verso un Paese bello”. (Es 3,7-8).

Ecco svelato, allora, il mistero del Dio che viene a cercare l’uomo. Dio non sopporta la sofferenza dell’uomo. E non sopporta nemmeno che sia calpestata la dignità dell’uomo, che sia tolta a lui la libertà. Dio non sopporta nemmeno che l’uomo soffra la solitudine. Perché sofferenza, schiavitù e solitudine si oppongono e contrastano apertamente con l’essenza più vera di Dio, l’amore trinitario che sboccia al suo interno (Padre, Figlio e Spirito Santo) e si rivela agli uomini nel più bel “dialogo della storia”: Gesù di Nazareth, il Verbo “fatto carne”, per amore, per noi.

Il Dio misterioso esce da se stesso, parla, libera, invia il Figlio per dialogare con gli uomini e per ricordare a se stessi chi sono, di quale dignità sono stati investiti, per quale finalità sono chiamati a vivere e soprattutto che il loro fondamento è l’amore. Questa è la storia di Dio che si rivelata agli uomini: identità assoluta e perfetta di un Padre che si apre, si comunica e chiama alla vita e all’amore.

Avvento, tempo di attesa, riflessione, vigilanza: l’Amore che nascerà, ci trovi, uomini e donne, disposti ad accoglierlo, viverlo, donarlo.

 

Pubblicità Lirenas Gas
Pubblicità EuroBet

Articoli Simili

Su