Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Agrigento > Elezioni: Angelino Alfano parla della sconfitta ma vede il bicchiere mezzo pieno

Elezioni: Angelino Alfano parla della sconfitta ma vede il bicchiere mezzo pieno

Angelino Alfano ha aspettato le 18 del giorno dopo prima di parlare. In effetti, i risultati che arrivano dalle urne siciliane sono una mazzata che lascerebbe senza parole chiunque, figuriamoci un politico come lui. Rischiare di non entrare nel Parlamento siciliano potrebbe rappresentare la sua fine. Il condizionale è d’obbligo, non tanto per la mancanza di risultati definitivi quanto per l’innata capacità rabdomantica di scovare nuove poltrone. Eppure, con la percentuale di Alternativa Popolare sul 4 %, il rischio débâcle è praticamente scontato.
“Il risultato siciliano è negativo. La candidatura a presidente di Micari, persona degna e rispettabilissima, ha risentito della previsione di sconfitta che ha generato una sorta di ballottaggio in una gara che pure è a turno unico. Cioè si è prodotto una sorta di “voto utile” a favore dei candidati considerati in testa”, ha dichiarato il leader di Ap. Che poi ha provato a immaginarsi, più che a guardare, il bicchiere mezzo pieno: “La coalizione di liste a suo sostegno ha avuto comunque un risultato dignitoso. Dentro questa coalizione noi abbiamo fatto la nostra parte e, nonostante ci amareggerebbe non entrare all’Ars, rileviamo che la percentuale siciliana è superiore alla soglia di sbarramento nazionale che è del 3%, a differenza di quella regionale che è del 5%. Ma anche se non abbiamo ottenuto i risultati sperati, non abbiamo rimpianti perché abbiamo fatto la scelta giusta”.
E pensare che nemmeno una settimana fa il ministro degli Esteri profetizzava tronfio: “Noi siamo dell’idea che vincerà Fabrizio Micari e lui sarà in grado di governare”. E ancora: “Quella di Micari è la scelta migliore contro i 5stelle: la competenza contro il dilettantismo. Micari è l’unica vera novità contro il déjà vu, gli altri due (Cancelleri e Musumeci) sono gli stessi sconfitti cinque anni fa”.
Prima previsione totalmente errata. Ma Alfano non si accontentava e puntava alto: “Ap ha liste competitive, forti, rappresentative di tutte le categorie di grande potenzialità e qualificate”. Saranno pure qualificate, ma non di certo rappresentative visto che la lista supera a stento i 60mila voti.

 

 

(Fonte Il Giornale)

Pubblicità Lirenas Gas

Ultime news

Su