Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Canicattì > Canicattì, straordinario elettorale. Quanto pagherà il Comune?

Canicattì, straordinario elettorale. Quanto pagherà il Comune?

8.002,80 euro. E’ l’importo che il comune di Canicattì dovrà pagare come straordinario ai dipendenti che formano l’ufficio elettorale in vista delle regionali del 5 novembre prossimo. Questa cifra, però, è destinata a lievitare poiché vi si andranno ad aggiungere i compensi da erogare all’ulteriore personale che affiancherà i cinque impiegati indicati attualmente.

Al momento l’ufficio elettorale di via Allende, in vista della prossima tornata, risulta costituito da: Diego Alù, responsabile, Salvatore Calì, Calogero Curto, Calogero Scivoletto e Salvatore Treppiedi. Fino a novembre  presteranno servizio presso l’ente per 120 ore e per la loro opera avranno diritto rispettivamente a: 1748,40, 1942.80, 1455.60, 1455.60 e 1400.40 euro, per un totale appunto di poco più di 8 mila euro.

Secondo la legge l’ufficio addetto ai servizi elettorali, può essere autorizzato ad effettuare lavoro straordinario entro il limite medio di spesa di 40 ore mensili per persona e sino ad un massimo individuale di 60 ore mensili, per il periodo intercorrente dal cinquantesimo giorno antecedente la data delle consultazioni a cinque giorni dopo.

Intanto, per fare fronte a tutti gli adempimenti previsti dalla normativa vigente per il corretto svolgimento delle complesse procedure elettorali, il personale sarà presto potenziato.

 

Pubblicità Lirenas Gas

Ultime news

Su