Shock a Canicattì. Danneggiata la stele di Livatino sulla Statale 640

Episodio increscioso nei pressi di Agrigento, sulla Strada Statale 640, dove è stata danneggiata la stele fatta erigere dai genitori del giudice Rosario Livatino, proprio in memoria del figlio ucciso dalla mafia il 21 settembre del 1990. La notizia viene riportata dall'Ansa. A darne notizia sono i responsabili delle associazioni "Amici del Giudice ...Continua

Canicattì, polizia municipale multa i primi “sporcaccioni”

  Canicattì- Rilevate dalle pattuglie della Polizia Municipale di Canicattì, diretta da qualche mese dal comandante  Domenico Ferrante, le prime sanzioni per palesi violazioni alle disposizioni imposte dalla Ordinanza sindacale n.114/2017. Ai cittadini colti in flagranza,  è stata comminata la multa prevista dalla normativa in materia di conferimento rifiuti. L’Amministrazione sollecita ...Continua

Abusivismo a Licata. 19 avvisi di garanzia

Torna d'attualità il tema abusivismo a Licata. Infatti i Carabinieri hanno notificato 19 avvisi di garanzia per i reati di falsità in atto pubblico e per violazione della normativa urbanistica ed edilizia. L'atto è stato avviato dalla Procura con in testa il Procuratore capo Luigi Patronaggio e i sostituti Simona Faga ...Continua

Camastra, operazione “Vultur” rimane in carcere Giuseppe Meli

Camastra- Rimane in carcere Giuseppe Meli, 45 anni, di Camastra, figlio di Rosario  Lo hanno deciso ieri i giudici della Corte d'Appello di Palermo che hanno rigettato l'istanza di remissione in libertà presentata dal suo legale di fiducia.   Giuseppe Meli era stato indagato nell'ambito dell'operazione antimafia denominata "Vultur".  L'uomo era accusato   di ricettazione ...Continua

Canicattì. Auto in fiamme sulla SS640, illesa la conducente

Tanta paura ieri sulla Strada Statale 640, all'altezza di Canicattì, quando un'automobile si è incendiata improvvisamente ed autonomamente. La prontezza di riflessi della donna ha fatto in modo che questa riuscisse a scendere dal mezzo prima che le fiamme lo avvolgessero e distruggessero. Sul posto sono arrivati i Vigili del ...Continua

Agrigento. Scarcerati i tre tunisini accusati di rapina e aggressione

Sono stati scarcerati i tre tunisini arrestati il 14 leglio e accusati di rapina, tentata estorsione, lesioni personali aggravate e porto abusivo di armi. Lo rende noto l’avvocato difensore dei tre, Angelo Asaro. Secondo l’accusa, scrive il legale, “I tre avrebbero aggredito il connazionale con calci e pugni, stringendogli una cintura ...Continua