Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > A Delia si potrà votare per la “Consulta soberana”. I venezuelani dicono no alla dittatura di Maduro

A Delia si potrà votare per la “Consulta soberana”. I venezuelani dicono no alla dittatura di Maduro

C’è anche Delia tra i cinque centri siciliani, 35 in Italia, in cui i cittadini venezuelani domani potranno votare per la cosiddetta “Consulta Soberana” lanciato dal fronte dell’opposizione venezuelana, il Mud, “Mesa de Unidad democratica”.

L’obiettivo della consultazione è quello di bloccare l’Assemblea costituente istituita dal presidente Maduro per riformare la Costituzione, o meglio, per realizzare esplicitamente e definitivamente un cambio di regime politico. In pratica per contrastare il regime dittatoriale di Maduro.

In Sicilia si potrà votare a Catania, Bagheria, Santa Ninfa, Messina e appunto Delia dove la comunità venezuelana è molto attiva e numerosa con circa 40 unità. Potranno votare tutti i venezuelani di origine o che abbiano ottenuto la cittadinanza esibendo la tessera o il passaporto. Ad organizzarlo la sezione locale del Comitè para el rescate de la democracia di cui è presidente Ana Di Caro e vice presidente Patrizia Lauricella.

Si potrà votare dalle 10 alle 16 in sala consiliare, in via capitano Lo Porto, e sono attese persone da Canicattì, Caltanissetta, Sommatino, Naro, Milena, Ragusa.

Da parte del comitato locale il ringraziamento al presidente del consiglio Tony Di Caro e al sindaco Gianfilippo Bancheri per aver messo a disposizione i locali comunali.

Pubblicità Lirenas Gas

Ultime news

Su