Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Agrigento > Lettera di una nostra lettrice del nord dopo una vacanza nell’Agrigentino: tristemente impressionati dai troppi randagi

Lettera di una nostra lettrice del nord dopo una vacanza nell’Agrigentino: tristemente impressionati dai troppi randagi

Ci scrive e riportiamo integralmente la lettera di una nostra lettrice che vive in Lombardia ma che ha origine agrigentine e che ha voluto denunciare come, suo malgrado, abbia dovuto fare  conti con il randagismo durante la sua visita in Sicilia.

Scrive la nostra lettrice, la signora Cristina Trevale:

Mi chiamo Cristina e risiedo nella provincia di Pavia. I miei nonni erano di Agrigento e emigrarono al nord molti anni fa. Erano decenni che desideravo visitare la terra dei miei avi. Così tre anni fa io e mio marito ci recammo in Sicilia per la prima volta, esattamente a Porto Empedocle. Luoghi meravigliosi, mare fantastico, siti archeologici che tutto il mondo Vi invidia. Purtroppo tra tante meraviglie siamo rimasti tristemente impressionati dall’alto numero di poveri cani randagi presenti nel territorio. Subito ci informammo e ci fu spiegato che ad Agrigento e provincia non esisteva nessuna struttura che li potesse ospitare. Il peggio è che spesso queste creature innocenti spesso vengono avvelenate e muoiono tra atroci sofferenze.Io non posso credere che questa terra che ha partorito decine di menti geniali, di pensatori e filosofi si sia così imbarbarita e incattivita.Mi fa male pensare che essa sia da troppi anni gestita da personaggi indifferenti e disumani che hanno DELIBERATAMENTE IGNORATO problematiche presenti solo nei paesi del terzo mondo. Da anni al Nord il randagismo non esiste più perchè le regioni e province si sono impegnate con successo alla realizzazione di strutture per animali abbandonati. C’è una frase del Mahatma Gandhy che riflette perfettamente il mio pensiero . Essa dice:” La grandezza di una nazione e il suo progresso morale si possono valutare dal modo in cui essa tratta gli animali”. Cristina Trevale.

Pubblicità EuroBet

Articoli Simili

Su