Tu sei qui
Home > Politica > Grillo a Palermo incorona Cancelleri, candidato a governare la Sicilia

Grillo a Palermo incorona Cancelleri, candidato a governare la Sicilia

Un Beppe Grillo entusiasta di tornare in Sicilia apre la campagna elettorale del Movimento Cinque Stelle alla presenza dei 66 candidati all’Ars e annuncia che più della metà degli iscritti che ha votato con la piattaforma Rousseau ha scelto Giancarlo Cancelleri candidato-governatore  che ha raccolto il 51,1% dei consensi, pari a 2.224 voti

Loading...

A Palermo sono arrivati nell’ampia spianata vicino al Porto migliaia di attivisti e simpatizzanti da tutta la Sicilia.

Gli otto sindaci siciliani pentastellati hanno raccontato la loro esperienza amministrativa, con i loro risultati e le difficoltà di una Sicilia dove i Comuni sono senza soldi e lasciati a se stessi dal governo Regionale.

A tenere banco nei discorsi di grillo e di Di Maio, arrivato anche lui in Sicilia, il reddito di cittadinanza.

Cancelleri tra gli applausi ha ringraziato: “Ho avuto la fortuna di essere in questi anni insieme all’Ars con altri 13 deputati regionali, grazie all’unione che abbiamo avuto a differenza degli altri ci siamo sentiti a casa – ha detto il candidato alla presidenza dei grillini – La Sicilia che abbiamo a cuore è quella dove le cure sono di qualità e funzionano, quella in cui i nostri giovani non se ne vanno per trovare un lavoro, quella delle imprese che vedono tutelati i loro prodotti. In questi anni abbiamo messo in campo tante iniziative. Siamo in piena crisi economica e il Pd dovrà assumersi la responsabilità, perché forse il miglior candidato che hanno si chiama Rosario Crocetta. Il primo impegno che prende il movimento è tagliare gli stipendi ai parlamentari siciliani e togliere i vitalizi e le pensioni d’oro”. Ha poi invitato tutti gli attivisti alla battaglia elettorale per avere una maggioranza solida all’Ars: “ Abbiamo bisogno di una maggioranza solida all’Ars   “dobbiamo andare a prendere i voti uno per uno, come in cammino, di tutte quelle persone che non vogliono andare a votare. Dobbiamo convincerli a votare per noi”.

Per il vice-presidente della Camera Di Maio la Sicilia è una tappa fondamentale per arrivare a governare in Italia. Di Maio ha inoltre annunciato la politica del movimento riguardo al problema dell’immigrazione: “In questo momento il governo ha scoperto che c’e’ un problema sulle Ong, noi lo avevamo scoperto due mesi fa – ha detto Di Maio  -.  Gentiloni e Minniti sono andati in Europa  e sono tornati con altri problemi per l’Italia. Sono tornati dicendoci che apriremo altri 30 hotspot. Visto che l’Ue non ci aiuta prendiamo una parte del contributo che diamo all’Ue e ci gestiamo i rimpatri e l’accoglienza. Imporremo alle Ong di rispettare le regole di trasparenza e non sconfinamento nelle acque libiche e terzo fermeremo il business sull’immigrazione togliendo ai privati la gestione dell’accoglienza”.

L’intervento di Grillo è stato particolarmente suggestivo perché incentrato sugli scenari futuri in Europa e nel mondo con i nuovi flussi che portano milioni di persone a spostarsi velocemente nei vari continenti, trasformando radicalmente l’economia e il modo di vivere insieme.

Ma ha anche “ammonito” i siciliani:“Italiani ora è il momento, è l’ultima chance che abbiamo” –  ha detto – “Non tornerò più a nuoto e se tornerò in Sicilia arriverò con una barca da 25 metri e vi manderò tutti a fanculo”.

 

IL VIDEO
http://www.videoauto.info/video/il-movimento-cinque-stelle-a-palermo-276864/

Articoli Simili

Loading...
Copy
Su