Tu sei qui
Home > Costume e Società > Notte bianca dei licei, il classico di Canicattì si trasforma in agorà

Notte bianca dei licei, il classico di Canicattì si trasforma in agorà

La lettura di alcuni passi tratti dall”Antigone” di Sofocle ha aperto la notte bianca al liceo classico “Ugo Foscolo” di Canicattì.

L’iniziativa, ideata dal professore Rocco Schembra del liceo “Gulli Pennisi” di Acireale, che ha avuto lo scopo di difendere e valorizzare la cultura classica, ha visto la partecipazione di ben 367 istituti italiani, con un numero maggiore di adesioni rispetto agli anni passati.

Dibattiti culturali, esibizioni concertistiche, performance teatrali hanno caratterizzato la manifestazione, che si è svolta il 13 gennaio, dalle 18 alle 24, nell’aula magna della scuola canicattinese.

Hanno dato il loro contributo anche  gli alunni delle tre scuole medie cittadine, “Gangitano”, “Pirandello” e “Verga”, che con grande entusiasmo e spirito di collaborazione hanno partecipato con varie  esibizioni. E’ stato un modo per avvicinare le giovani generazioni alla scoperta del mondo classico e al fascino della cultura umanistica, che ha tuttora una grande validità formativa.

Molto interessante il dibattito culturale, moderato dal professore Pietro Carmina, che ha visto come protagoniste le ex allieve del liceo Gabriella Portalone e Carla Gentile, docenti universitarie, e Cetta Brancato, scrittrice, le quali hanno confermato l’importanza che gli studi classici hanno avuto nella loro carriera professionale perchè “rilevanti per stimolare ed affinare il pensiero critico e sviluppare il rigore logico-scientifico”.

La manifestazione è stata un viaggio nella civiltà greca e latina da cui è nato il patrimonio culturale della civiltà occidentale. Sono stati ricreati all’interno della scuola momenti e spazi del mondo antico: una taberna, giochi dell’antica Roma, un elegante simposio con flautiste e commensali che recitavano carmi conviviali, un’emozionante rappresentazione teatrale della tragedia “Alcesti” di Euripide, una sfilata delle divinità del mondo greco ed una simpatica parodia di Penelope contro Elena. Inoltre, è stato distribuito agli intervenuti un interessante giornalino, con notizie e gossip sull’antica Roma redatto dagli alunni.

Hanno allietato la serata il coro polifonico e l’ensemble dell’associazione “Lo Nigro” diretta dal dal maetro Carmelo Mantione e il coro del “Foscolo” “Classiche Note”, guidato da Martina Palilla, ex alunna dell’istituto.

La dirigente scolastica Rossana Virciglio ha espresso grande soddisfazione per lo straordinario successo che ha ottenuto l’iniziativa: “Abbiamo trasformato la scuola in una frequentatissima ed animatissima agorà”.

Dalla manifestazione è emersa l’importanza di “istituire e mantenere un ponte tra antico e moderno, tra tradizione ed innovazione, peculiarità che appartiene al liceo classico che valorizza l’antico in quanto utile e fondamentale per una migliore comprensione della realtà presente”.

A chiudere l’evento i versi del “Lamento di Danae” del poeta Simonide.

 

 

Pubblicità Lirenas Gas

Ultime news

Su