Tu sei qui
Home > Arte e Cultura > Porca Eva! (Monologo per la giornata internazionale contro la violenza sulle donne)

Porca Eva! (Monologo per la giornata internazionale contro la violenza sulle donne)

 

{{title|{{Adam and Eve}}}} 1526 {{Technique|oil|panel}} {{Size|cm|117|80}}Sei nata da una costola di Adamo che dal fango il creatore plasmò. Poi a un serpente tentatore hai ceduto e indotto l’ingenuo Adamo a cogliere la mela: il frutto proibito, simbolo della conoscenza del bene e del male. Per tale disobbedienza dall’Eden siete stati cacciati, condannati a soffrire e a lavorare con fatica e sudore, e tu stessa e le altre donne a partorire con dolore.

  Sarà forse a causa di quest’allegoria biblica che noi donne siamo state caricate di tutte le colpe del mondo? Poiché in base ad essa Eva, e per estensione noi femmine tentatrici e malefiche, saremmo responsabili della perdita dell’originaria innocenza, della cacciata dal Paradiso Terrestre e della vergogna. Così con Adamo siamo stati costretti a lasciare l’Eden nascondendo le nostre parti più intime con foglie di fico. Da allora e per secoli noi donne, a causa del peccaminoso desiderio di conoscenza carpita al Creatore, siamo state tagliate fuori dal mondo della cultura e obbligate all’ignoranza e alla sottomissione al maschio. Addirittura Eva, per aver creduto al viscido serpente che ordì quell’antico inganno, è universalmente considerata, oltre che stupida e malefica, anche porca. Non si dice porco Adamo. Si dice porca Eva! E chissà perché?

  Sarà a causa di questo malinteso biblico che l’uomo si è arrogato da sempre il diritto di calpestarci, e se occorre, anche di massacrarci in quanto donne? Non stiamo ancora scontando una nemesi per qualcosa che non abbiamo commesso? Così sembra! E allora vorrei cercare di capire perché, che cosa lega noi donne a quell’antico inganno! Da allora noi donne siamo divenute il simbolo della tentazione e della menzogna, della seduzione e del male. Eppure, mi pare che non siamo state noi donne a ordire i peggiori inganni e i maggiori crimini della storia! Mi pare che nessuna donna sia responsabile di guerre e distruzioni! Piuttosto noi li mettiamo al mondo i figli; non li mandiamo al massacro! Solitamente noi creiamo, proteggiamo e non tendiamo alla distruzione. Forse perché sappiamo molto bene quanta dedizione e quanto amore ci vogliono per creare e procreare.

  Dunque, l’unico nesso che riesco a trovare tra quell’antica allegoria e noi donne, è la fiducia mal riposta. Eva si è fidata del viscido serpente. Noi donne ci fidiamo troppo di quel vile uomo che, non possedendo l’abilità di fronteggiarci con l’arma della ragione, usa la forza bruta. Con essa riesce a zittirci e a farsi ragione del suo istinto malato di dominio. Con essa egli ci tiene in soggezione e ci massacra! Che stupida Eva a essersi fidata di un serpente! E che stupide noi donne a fidarci di quei maschi rimasti al livello evolutivo dei rettili! Lo dico con tutto il rispetto per queste creature di Dio ovviamente.

Angelo Lo Verme

 

Pubblicità Lirenas Gas

Ultime news

Su