Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Canicattì > Canicattì. Straordinario elettorale, i dipendenti comunali chiedono l’annullamento della determina dirigenziale

Canicattì. Straordinario elettorale, i dipendenti comunali chiedono l’annullamento della determina dirigenziale

il comune di canicattìUn folto gruppo di dipendenti del Comune di Canicattì hanno inviato una nota al sindaco, all’assessore alla Trasparenza, all’assessore al Personale, al dirigente Affari Generali e al segretario generale in merito allo straordinario elettorale del prossimo Referendum costituzionale.

Scrivono i dipendenti:

Come di consueto ad ogni tornata elettorale vengono determinate le ore di straordinario che a discrezione del Dirigente competente e del Responsabile dell’Ufficio Elettorale vengono ripartire ed assegnate ad alcuni dipendenti di questo Ente, non osservando i principi di rotazione del personale, nè la trasparenza nell’assegnazione delle ore, cosi come stabilito da

Decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150

Art. 11.

La trasparenza è intesa come accessibilità totale, anche attraverso lo strumento della pubblicazione sui siti istituzionali delle amministrazioni pubbliche, delle informazioni concernenti ogni aspetto dell’organizzazione, degli indicatori relativi agli andamenti gestionali e all’utilizzo delle risorse per il perseguimento delle funzioni istituzionali, dei risultati dell’attività di misurazione e valutazione svolta dagli organi competenti, allo scopo di favorire forme diffuse di controllo del rispetto dei principi di buon andamento e imparzialità.

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 16 aprile 2013, n. 62

Art. 3

1. Il dipendente osserva la Costituzione, servendo la Nazione con disciplina ed onore e conformando la propria condotta ai principi di buon andamento e imparzialita’ dell’azione amministrativa. Il dipendente svolge i propri compiti nel rispetto della legge, perseguendo l’interesse pubblico senza abusare della posizione o dei poteri di cui e’ titolare.

Art. 9

2. La tracciabilita’ dei processi decisionali adottati dai dipendenti deve essere, in tutti i casi, garantita attraverso un adeguato supporto documentale, che consenta in ogni momento la replicabilita’.

Art. 13

4. Il dirigente assume atteggiamenti leali e trasparenti e adotta un comportamento esemplare e imparziale nei rapporti con i colleghi, i collaboratori e i destinatari dell’azione amministrativa.

– LEGGE n°241 del 1990

Art. 1, nel quale si affermano i principi della economicità, efficacia, imparzialità e pubblicità negli atti della Pubblica Amministrazione.

Art. 97 della Costituzione

“I pubblici uffici sono organizzati secondo disposizioni di legge in modo che siano assicurati il buon andamento e l’imparzialità dell’amministrazione” e “all’esternazione delle ragioni giustificatrici delle scelte”.

Alla luce di queste considerazioni legislative, i dipendenti chiedono “l’annullamento della D.D, n° del 1552 dell’ 8/11/2016 e la sua rimodulazione secondo i criteri stabiliti dalle norme sopra citate” e preannunciano, nel caso ciò non avvenisse, “un esposto all’A.N.A.C. e alla Procura della Repubblica”

Pubblicità Lirenas Gas

Ultime news

Su