Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Canicattì > Canicattì, le celebrazioni del 4 novembre (Video e foto)

Canicattì, le celebrazioni del 4 novembre (Video e foto)

dsc_0845Anche quest’anno la comunità canicattinese ha celebrato il 4 novembre. In occasione della festa delle Forze Armate e dell’Unità nazionale, in città si sono svolte diverse iniziative per ricordare il sacrificio di quanti hanno dato la loro stessa vita in nome della patria.

Gli appuntamenti sono stati organizzati dalla Fondazione Invalidi e Mutilati di Guerra, l’Associazione Famiglie dei Caduti e Dispersi e l’Associazione Combattentistica e d’Arma e dall’amministrazione comunale.

Le celebrazioni si sono aperte al piazzale dedicato ai caduti di Nassiriya, dove è stata posta una corona d’alloro sulla stele che ricorda le vittime di quell’attentato ed i presenti hanno fatto memoria dei caduti sulle note del “silenzio”.

Dopo ci si è spostati in viale Regina Margherita; anche in questo caso una corona d’alloro è stata posta sul monumento delle Forze Armate. Da lì il corteo si è mosso verso la sede della Associazione Combattentistica in via Capitano Giovanni Ippolito, per proseguire verso Corso Umberto; sosta davanti alla lapide dedicata al maresciallo  Biagio Pistone, omaggiato con una corona di fiori. L’assessore alla Cultura, Katia Farrauto, ha ricordato il carabiniere e il suo omicidio.

Infine, l’ultima fermata si è tenuta davanti al Monumento ai Caduti dove è stata posta un’altra corona,  si è svolta la cerimonia dell’alzabandiera e don Salvatore Casà, parroco di san Diego e san Domenico, ha benedetto il monumento ed i presenti. Sono intervenuti le autorità civili, militari e religiose della città, i vigili del fuoco, le guardie ambientali, soltanto tre consiglieri comunali e pochi canicattinesi che in silenzio hanno fatto memoria dei caduti.

Commosso il responsabile dell’associazione promotrice, Leonardo Di Stefano, il quale ha ricordato alcuni caduti in guerra, sottolineando l’importanza di questa giornata.

Altrettanto emozionato il sindaco Ettore Di Ventura.

A colorare il corteo una grande bandiera tenuta dagli alunni delle scuole cittadine che con allegria hanno cantato l’inno di Mameli sulle note eseguite dalla banda musicale cittadina “Santa Cecilia”.

La giornata si è conclusa con la celebrazione eucaristica, nella chiesa di san Diego, presieduta dal vicario foraneo don Giuseppe Argento.

Galleria

Pubblicità Lirenas Gas

Ultime news

Su