Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Canicattì > Canicattì. Stop al volantinaggio selvaggio. Di Ventura emana ordinanza. Le disposizioni

Canicattì. Stop al volantinaggio selvaggio. Di Ventura emana ordinanza. Le disposizioni

volantinaggioIl sindaco di Canicattì, Ettore Di Ventura, ieri ha emesso un’ordinanza sindacale con la quale impone delle regole ferree per contrastare il fenomeno del volantinaggio selvaggio.

Come spiegato dallo stesso primo cittadino, “vieto la distribuzione di materiale pubblicitario in tutta la città. Volantini, dépliant e similari possono essere depositati solo in cassette di posta chiuse e dotate di serratura situate all’interno o all’esterno delle abitazioni. Il provvedimento si è reso necessario per salvaguardare l’ambiente, il decoro urbano, la pubblica incolumità e scongiurare inevitabili aggravi di spesa per il recupero del materiale cartaceo disperso nella pubblica via.” I trasgressori saranno multati da 25 euro a 500 euro

Ma ecco nel dettaglio l’ordinanza comunale

Su tutto il territorio comunale è fatto divieto di:

* effettuare pubblicità a mezzo di volantinaggio sia con affissione di manifesti sui pali della pubblica illuminazione, della segnaletica stradale, alberi o supporti murali e/o strutturali, sia con deposito a terra sugli spazi pubblici;

* conferire volantini, opuscoli e altro materiale pubblicitario sotto le porte d’accesso delle abitazioni e sui parabrezza e lunotti di tutti i veicoli;

* distribuire volantini ai conducenti e/o ai passeggeri dei veicoli in movimento nei pressi degli incroci;

* lanciare volantini, buoni-sconto, biglietti omaggi e simili.

È consentita la distribuzione “porta a porta” dei depliants commerciali solo se depositati nella cassetta postale interna di proprietà del singolo residente o del condominio.

Si potrà introdurre il materiale pubblicitario in cassette postali ubicate all’esterno degli immobili solo se queste siano di dimensioni atte a contenerlo, chiuse su tutti i lati e dotate di serrature per scongiurarne l’uscita casuale o voluta da terzi.

Il provvedimento si è reso necessario per evitare l’ostruzione delle caditoie e l’imbrattamento del suolo pubblico causati dall’inopportuno abbandono dei volantini pubblicitari sul suolo pubblico, scongiurare danni al decoro urbano, all’ambiente e alle casse comunali soggette ad ulteriori spese per la raccolta del suddetto materiale.

Si avverte che la violazione di tali obblighi verrà sanzionata dalle autorità competenti con multe da €.25,00 a €. 500,00.

Pubblicità Lirenas Gas

Ultime news

Su