Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Canicattì > Canicattì. Sussidio alle famiglie con ISEE inferiore a 3.000 €, attivato il progetto SIA. I REQUISITI richiesti

Canicattì. Sussidio alle famiglie con ISEE inferiore a 3.000 €, attivato il progetto SIA. I REQUISITI richiesti

il comune di canicattìDa venerdì 2 settembre e fino al 31 dicembre 2016 i cittadini di Canicattì interessati e che rispettano i parametri richiesti potranno presentare la domanda per partecipare all’Avviso pubblico per il Sostegno all’Inclusione Attiva (SIA)

Il Sostegno per l’Inclusione Attiva (SIA) è una misura di contrasto alla povertà che prevede l’erogazione di un sussidio economico alle famiglie in condizioni economiche disagiate che è subordinato a un progetto personalizzato di attivazione sociale e lavorativa che viene predisposto dal Servizio Sociale, in rete con i servizi per l’impiego, i servizi sanitari, le scuole, i soggetti privati ed enti no profit.

La richiesta del beneficio viene presentata da un componente del nucleo familiare al Comune mediante la compilazione di un modulo con il quale, oltre a richiedere il beneficio, si dichiara il possesso dei seguenti requisiti necessari per l’accesso al programma.

Requisiti richiesti:
- essere cittadino italiano o comunitario, ovvero familiare di cittadino italiano o comunitario non avente la cittadinanza di uno Stato membro che sia titolare del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente, ovvero cittadino straniero in possesso del permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo;

- essere residente in Italia da almeno due anni (al momento della presentazione della domanda);

– nessun componente il nucleo risulti in possesso di:  autoveicoli immatricolati la prima volta nei dodici mesi antecedenti la richiesta;  autoveicoli di cilindrata superiore a 1.300 cc (250 cc in caso di motoveicoli) immatricolati la
prima volta nei 3 anni precedenti la richiesta.

 – composizione del nucleo familiare (con almeno uno dei seguenti requisiti):  presenza di un componente di età minore di 18 anni;  presenza di una persona con disabilità e almeno un suo genitore; presenza di una donna in stato di gravidanza da almeno 5 mesi (certificata da struttura pubblica);

 – condizione economica:  ISEE inferiore o uguale a 3.000 euro; altri eventuali trattamenti economici di natura previdenziale, indennitaria o assistenziale a qualunque titolo concesso dallo Stato o da altre pubbliche amministrazioni non devono essere superiori a 600 euro mensili;

 – nessun componente il nucleo deve risultare titolare di: prestazioni di assicurazione sociale per l’impiego (NASpI); assegno di disoccupazione (ASDI); altro ammortizzatore sociale di sostegno al reddito in caso di disoccupazione involontaria; carta acquisti sperimentale.

Il progetto coinvolge tutti i componenti del nucleo familiare e prevede specifici impegni per adulti e minori sulla base di una valutazione globale delle problematiche e dei bisogni. L’obiettivo è quello di aiutare le famiglie a superare la condizione di povertà e riconquistare gradualmente l’autonomia.

Il beneficio mensile ha un ammontare di 80 euro per nucleo familiare di un solo componente; 160 euro 2 componenti; 240 euro 3 componenti; 320 euro componenti; 400 euro 5 o più componenti.

I cittadini interessati, in possesso dei requisiti richiesti, potranno presentare le domande a partire dal prossimo 2 settembre, e sino al 31 dicembre 2016, direttamente al Comune di residenza che, successivamente, provvederà ad inoltrarle all’INPS, ai fini della verifica automatica delle condizioni previste dal Decreto 26 maggio 2016 (ISEE, presenza di eventuali altre prestazioni di natura assistenziale, situazione lavorativa ecc.) e della conseguente disposizione dei benefici economici, che saranno erogati dal Gestore del servizio attraverso una Carta precaricata.

Il modulo di domanda potrà essere ritirato dagli interessati presso l’Ufficio di Servizio Sociale del Comune, in via Cesare Battisti, e sarà altresì scaricabile dal sito del Comune http://www.comune.canicatti.ag.it, dal portale dell’INPS e dal sito del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.

Pubblicità Lirenas Gas

Ultime news

Su