Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Licata. Operaio sfregiato, arrestate due persone

Licata. Operaio sfregiato, arrestate due persone

carabinieriIeri sera i Carabinieri della del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Licata, al termine di una rapida attività d’indagine, hanno sottoposto a fermo di indiziato di delitto il pregiudicato Angelo Antona, classe 1986, disoccupato di Licata; Antonio Casaccio, classe 1994, già noto alle Forze dell’Ordine. I due sono ritenuti responsabili, in concorso, del reato di lesioni personali gravissime.

La vicenda ha origine domenica sera quando un agricoltore di 48 anni si è presentato al Pronto soccorso dell’ospedale “San Giacomo d’Altopasso” con gravi ferite al volto e ha raccontato di essere stato aggredito da due o tre presone non meglio identificate.

I Militari dell’Arma hanno rintracciato e bloccato i due disoccupati licatesi nei pressi di una loro abitazione accertando che gli stessi, nella tarda serata di domenica, nei pressi di un esercizio commerciale di via Gela, per futili motivi connessi a rancori personali, lo avevano aggredito con una bottiglia rotta.

I due sono stati sottoposti ai domiciliari mentre l’uomo è stato ricoverato nel reparto di chirurgia e la prognosi è di quaranta giorni con i Carabinieri che parlano di lesioni gravissime e permanenti al volto.

Pubblicità Lirenas Gas

Ultime news

Su