Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Porto Empedocle, prorogata la pesca sportiva

Porto Empedocle, prorogata la pesca sportiva

capitaneria di portoLa Guardia Costiera –Capitaneria di Porto di Porto Empedocle ha emanato due ordinanze.

La prima proroga fino al 30 giugno 2017 lo svolgimento della pesca sportiva con canna da riva in tre zone dell’area portuale empedoclina. Su richiesta della Federazione Italiana Pesca Sportiva di Agrigento, e parere conforme del Comune di Porto Empedocle, la proroga è stata accolta con grande favore dai tanti appassionati che, per la prima volta, possono esercitare l’attività ricreativa all’interno dello scalo, nel rispetto di precise norme igieniche e di sicurezza in tre diverse aree: porzione di litorale, parallela a Via Gioeni e adiacente al parcheggio Torre Carlo V, compresa tra il cantiere navale “Primatour” e l’area di cantiere per la realizzazione di strutture per la nautica da diporto; porzione di banchina portuale compresa tra l’ufficio di sanità marittima e l’ex cantiere navale “Bonsignore”; porzione centrale del molo di ponente compresa tra l’area di cantiere per la realizzazione di strutture per la nautica da diporto e l’area in concessione alla società ENEL. In queste zone è consentita la pesca sportiva con canna da riva (massimo 5 per persona), con divieto di cattura di più di 5 chili di pesce al giorno. Ogni pescatore sportivo deve essere in possesso di attestato di registrazione sul sito web del Ministero delle politiche agricole. Per motivi igienico-sanitari è vietato il consumo del pescato, con obbligo di rilascio in mare degli esemplari vivi. L’attività non è consentita in caso di avverse condizioni cliatiche o scarsa visibilità. I pescatori sportivi non possono transitare e sostare con autoveicoli, moto o biciclette all’interno delle tre aree.

Il secondo provvedimento ha disposto anche per la prossima stagione balneare le modalità di fruizione della prima spiaggia libera in Sicilia con accesso consentito ai cani, inaugurata il 13 luglio 2015. Si tratta di una porzione, pari a 80 metri lineari di fronte mare, di un vasto arenile di circa 250 metri di ampiezza alla “Spiaggetta” di Porto Empedocle, tra il molo di ponente del porto e la centrale termoelettrica, individuata lo scorso anno di concerto tra la Capitaneria di Porto e l’amministrazione comunale ed opportunamente delimitata con apposita recinzione, per la quale – al termine di un percorso condiviso con il Comune e la Polizia Municipale di Porto Empedocle, la Polizia Provinciale di Agrigento, l’Azienda Sanitaria Provinciale (Dipartimento di prevenzione veterinaria di Agrigento e Area di igiene e sanità pubblica di Porto Empedocle) e alcune associazioni di tutela dei diritti degli animali – era stato consentito l’accesso ai cani nel rispetto di precise prescrizioni di sicurezza ed igienico-sanitarie. I proprietari dei cani sono obbligati, tra l’altro, a munirsi di paletta e sacchetto e provvedere alla rimozione delle deiezioni degli animali, di munire i cani di guinzaglio o museruola, di avere provveduto all’iscrizione degli animali all’anagrafe canina, di esibire, in caso di controlli delle autorità, certificati sanitari in corso di validità e libretto di vaccinazioni.

 

Pubblicità Lirenas Gas

Ultime news

Su