Tu sei qui
Home > Politica > Sommatino. Forza Italia al sindaco: “Mai diminuita la tassa sui rifiuti”

Sommatino. Forza Italia al sindaco: “Mai diminuita la tassa sui rifiuti”

infuso“Sulla questione tasse, costo della gestione integrata del servizio rifiuti, Forza Italia intende fare chiarezza, con carte alla mano e come nel nostro stile”. Lo dice Gianluca Infuso del partito di Silvio Berlusconi, che punta il dito contro il sindaco di Sommatino, Crispino Sanfilippo.

Loading...

“Dagli atti ufficiali  – aggiunge il forzista – (approvazione costo del servizio per l’anno 2013  957.823 euro e P.E.F. per gli anni 2014  860 mila euro e 2015  860 mila euro  e “carte alla mano”  (bollette TARSU e TARI per qualsiasi tipo di nucleo familiare), non risulta nessuna “drastica” riduzione come da Lei, Sig. Sindaco, rappresentata – E vi è di più, nel corso del Suo mandato, è stata condotta una lotta all’evasione senza precedenti: nel 2013 sono state recapitati avvisi di accertamento Tarsu a valere per gli anni 2007-2008-2009-2010-2011 per non dimenticare gli accertamenti ICI 2010-2011, e da ultimo nel 2015 gli accertamenti IMU 2012 e 2013.”.

Infuso, inoltre, aggiunge che “aspettando l’approvazione della Tassa Rifiuti per il 2016, l’amministrazione da Lei rappresentata annuncia “ulteriori” riduzioni perchè avrebbe previsto sul piano finanziario dei rifiuti un taglio di 90 mila euro sui costi”. E rivolgendosi al sindaco interroga “Ci potrebbe spiegare meglio come avverrebbe tale operazione? tali poste contabili sarebbero estrapolate dal PEF o dal Bilancio?  Chi le pagherebbe?”.

Forza Italia invita “tutti i consiglieri di opposizione a vigilare e  richiedere atti e chiarimenti in merito”.

E sulla Tares Infuso chiarisce: “Tutti hanno applicato la Tares in regime Tarsu perchè ovviamente meno gravosa per cittadini ed attività produttive. Nulla di speciale, quindi nessuna magia, almeno qui ordinaria amministrazione”.

Infine, il politico smentisce il sindaco di Sommatino su una classifica che vedrebbe Sommatino tra i primi 15 comuni in Italia come tariffa più bassa  lo invita a dimettersi. “Abbiamo scoperto che quell’articolo datato 9 novembre 2015 e’ riferito a 104 capoluoghi di provincia dove ovviamente, Sommatino nemmeno potrebbe comparire, e nemmeno la relativa tariffa si collocherebbe al 15° posto. Adesso, la questione è: forse, non ha letto bene l’articolo in questione? Forse, ha deciso di andarsi a candidare in qualche altra città? In questo caso, per il bene di Sommatino – conclude Gianluca Infuso – l’accompagniamo alla vicina Stazione di Caltanissetta Xirbi”.

Articoli Simili

Loading...
Copy
Su