Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Lotta alla povertà. Via libera del distretto D3 al servizio civico

Lotta alla povertà. Via libera del distretto D3 al servizio civico

il comune di canicattì
Il Comune di Canicattì

I sindaci dei comuni che fanno parte del distretto socio sanitario D3, di cui Canicattì è capofila, hanno stabilito che in ciascun ente sarà attivato il servizio civico. L’obiettivo è quello di sostenere i cittadini economicamente disagiati e favorire il loro reinserimento sociale attraverso il servizio in opere di pubblica utilità.

Loading...

Gli ammessi al progetto potranno svolgere un’attività precisa, scelta dai comuni di appartenenza, come la manutenzione e pulizia degli spazi comunali, l’assistenza domestica o la manutenzione del verde pubblico.

Il servizio civico è rivolto a 150 disoccupati o cittadini che si trovano in condizioni di disagio socio-economico che risiedono nei centri del distretto. I prescelti saranno indicati dai Servizi Sociali comunali, con un bando pubblico, tenendo conto di eventuali segnalazioni di enti territoriali – SerT, Centro di Salute Mentale, Centro di Giustizia Minorile – e saranno impiegati per tre mesi ciascuno, 20 ore alla settimana, per un totale di 80 ore al mese. Per la loro attività percepiranno un assegno di circa 450 euro.

Il distretto ha disposto quasi 78 mila euro all’anno, per un totale di circa 234 mila euro per l’intera durata del servizio civico.

Articoli Simili

Loading...
Copy
Su