Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Agrigento > Mafia. Sette arresti nella notte in provincia di Agrigento. Possibili contatti con Matteo Messina Denaro (Video)

Mafia. Sette arresti nella notte in provincia di Agrigento. Possibili contatti con Matteo Messina Denaro (Video)

arresti mafiaùImportante operazione dei carabinieri che stanotte hanno arrestato sette persone in provincia di Agrigento che sono accusate a vario titolo di associazione a delinquere di stampo mafioso. L’ordinanza di custodia cautelare è stata emessa dal gip del Tribunale di Palermo, Maria Pino, su richiesta della  procura distrettuale di Palermo.

Loading...

Gli arrestati sono: Giuseppe Genova, inteso “Salvatore”, 51 anni, di Burgio, ritenuto il capo della locale famiglia mafiosa; Andrea La Puma, 69 anni, di Sambuca di Sicilia, uomo di fiducia di Leo Sutera; Salvatore La Puma, classe 75, di Sambuca di Sicilia, figlio di Andrea; Gaspare Ciaccio, 32 anni, di Sambuca di Sicilia; Vincenzo Buscemi, 64 anni, di Sambuca di Sicilia; Massimo Tarantino, 45 anni, di Sambuca di Sicilia, già detenuto per altra causa; Luigi Alberto La Sala, 32 anni, di Sambuca di Sicilia.

L’operazione è frutto di una manovra investigativa nata nel 2009 e sviluppata nel tempo dal Raggruppamento operativo speciale e dal comando provinciale di Agrigento all’indirizzo del mandamento di Sambuca di Sicilia e del suo principale esponente Leo Sutera detto “il professore” in contatto con i vertici delle province di Trapani e Palermo.

Sutera venne arrestato dalla squadra mobile di Agrigento nel giugno 2012 e condannato a quattro anni di reclusione per associazione mafiosa e in quel contesto vennero documentati una serie di incontri tra lo stesso Sutera ed esponenti mafiosi delle province di Agrigento e Palermo nelle campagne di Sambuca di Sicilia finalizzati alla pianificazione di comuni strategie criminali di portata ultra provinciale.

L’inchiesta che ha portato agli arresti di oggi, denominata “Eden 5 – Triokola”, ha evidenziato l’esistenza di un possibile collegamento tra Sutera ed il latitante Matteo Messina Denaro.

 

Questa ha portato a documentare gli incontri di Sutera con: Salvatore Genova, ritenuto capo della famiglia di Burgio e principale collaboratore di Sutera; Cosimo Michele Sciarabba, uomo d’onore della famiglia di Misilmeri (Palermo), figlio del più noto Salvatore Sciarabba (già reggente della famiglia di Misilmeri e del mandamento di Belmonte Mezzagno-Misilmeri dopo l’arresto del capo mandamento Benedetto Spera); Gaetano Maranzano, uomo d’onore della famiglia di Palermo – Cruillas. Questi ultimi due sono stati arrestati nel giugno 2013 perché ritenuti esponenti di spicco dei mandamenti mafiosi palermitani, tanto da essere presenti alla nota riunione dei capi mandamento di Palermo il 7 febbraio 2011 all’interno del ristorante Villa Pensabene.

Il supporto logistico per Sutera a Sambuca, invece, era garantito da Andrea e Salvatore La Puma, agricoltori di Sambuca di Sicilia e strettamente legati a Sutera, nonché dagli altri sodali Gaspare Ciaccio,  Vincenzo Buscemi, Massimo Tarantino, Luigi La Sala, tutti di Sambuca di Sicilia e cooptati dal capo mafia per l’organizzazione delle riunioni.

 

Articoli Simili

Loading...
Copy
Su