Tu sei qui
Home > Attualità > Forconi, domani sit-in all’Ars

Forconi, domani sit-in all’Ars

11709434_1101702756525911_4855391889510529122_nDomani, alle 10,30, saremo a Palermo davanti al portone dell’ARS per spronare i siciliani ad organizzarsi per una pacifica ma forte opposizione”. Lo annuncia il movimento dei Forconi.

Loading...

“Noi abbiamo già lanciato una proposta: presidiare e occupare Palazzo dei Normanni che non ci risulta essere la lussuosa residenza privata di pochi, ma la sede del parlamento dei siciliani – si legge in una nota – Vogliamo rassicurare tutti sullo stato della nostra salute mentale, piuttosto, siamo noi che nutriamo qualche dubbio sull’onestà, anche solo intellettuale, di chi occupa quelle poltrone. Sbaglieremo, può darsi, ma per noi è lì che nasce il disastro di questa terra ed è lì che, se i siciliani diranno di si, vogliamo ritrovarci tutti da qui a breve, per mettere in atto una forte e vera opposizione civica. Ci sarà sempre qualcuno che le definirà farneticazioni, tranquilli,  siamo lucidissimi e se siamo a tanto, un motivo c’è e per questo, piaccia o no, se la Sicilia c’è, si fa.”

Per i Forconi “non se ne può’ più’ delle parole, dell’arroganza e della strafottenza di questa scandalosissima classe dirigente”.

E interrogano: “Stiamo sbagliando valutazione o la Sicilia è una delle zone più povere d’Europa? Sono anni che chiediamo scelte politiche che mettano il mondo agricolo in condizione di produrre reddito e non debiti, abbiamo preteso troppo? Lo stato di crisi? Che ce ne facciamo di una bella scatola vuota o forse è qualcos’altro? Ci spieghino. PSR? Con queste prospettive, ad essere interessate rimarranno solo le agromafie. Le norme di salvaguardia? L’Europa ha già detto di no. Revisione del trattato Euro-Mediterraneo? Ha già risposto Hogan, non è prevista nessuna revisione. La GDO ? Un mostro economico che fa quel che vuole, forse il problema numero uno. Cosa racconteremo stavolta a chi è con l’acqua alla gola e non sa come fare per pagare banche e fornitori  ? E quanti sono? Venderemo all’asta intere città? Qua’e’ il ruolo del produttore italiano in questo contesto? Di certo non puo’ continuare ad essere l’anello debole che paga per tutti

“Non c’è più spazio per soluzioncine tampone. Servono moratorie urgenti e coperture finanziarie consistenti – concludono i Forconi –  Noi, con le spalle al muro, visto il nulla delle opposizioni ed il diabolico PD, proveremo a fare da antidoto e a soffiare sul fuoco del malessere sociale. Democrazia e civiltà sono grandi conquiste ma non potranno mai essere un alibi per snobbare e non rispondere”.

Articoli Simili

Loading...
Copy
Su