Tu sei qui
Home > Politica > Giunta regionale approva diverse delibere. Su tutte lo stato di crisi del settore ortofrutticolo

Giunta regionale approva diverse delibere. Su tutte lo stato di crisi del settore ortofrutticolo

crocettaLa giunta regionale, guidata da Rosario Crocetta, ieri ha approvato diverse deliberazioni. Tra le altre:

Loading...

La ripartizione dei piani di gestione dell’amministrazione regionale per  rendere immediatamente operativi i dipartimenti, avendo cura di specificare che su alcuni capitoli è stato inserito uno stanziamento del 50%, in considerazione del fatto che occorre chiudere l’accordo con il governo nazionale in materia di entrate della Regione, accordo che dovrebbe concludersi entro due mesi;

approvazione del bando per l’avviso pubblico per gli enti e le associazioni culturali, che sblocca con notevole anticipo rispetto agli anni passati, la possibilità di accedere a finanziamenti per attività sociali e culturali;

rimodulazione dell’assetto organizzativo dell’intera macchina regionale, riducendo del 30% le figure apicali dirigenziali, operazione che è stata possibile grazie all’avvio dei prepensionamenti. L’obiettivo del governo è di raggiungere, grazie a questo meccanismo, un numero di dirigenti allineato alla media nazionale;

nomina dei commissari dell’Istituto Regionale vino e olio, dell’Ente Sviluppo Agricolo e riconferma del direttore del parco archeologico della Valle dei Templi.

Infine, in relazione alla crisi del settore ortofrutticolo e agrumicolo, è stata approvata la richiesta, da inoltrare al governo nazionale, di dichiarazione dello stato di crisi del mercato. Su quest’ultimo punto è intervenuto anche l’assessore Cracolici evidenziando che il provvedimento riguarda in modo particolare il settore degli agrumi e dei pomodori. “Questo provvedimento – ha dichiarato –  potrà supportare l’azione del governo italiano impegnato nella richiesta all’Unione Europea di applicazione della ‘clausola di salvaguardia’, nei confronti dei prodotti che entrano nei nostri mercati, alterando il valore della produzione. Inoltre potranno essere attivate misure straordinarie per la promozione dei prodotti in difficoltà e  il ritiro merce per beneficienza.”

Articoli Simili

Loading...
Copy
Su