Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Canicattì > Canicattì, ricatto a “luci rosse”. Condannata diciannovenne Romena.

Canicattì, ricatto a “luci rosse”. Condannata diciannovenne Romena.

Canicattì, Il Gip del Tribunale di Agrigento, Francesco Provenzano, ha inflitto due anni e due mesi di reclusione , pena sospesa,  a Bianca GeorgiCostel-Leonard-Enea-e-Bianca-Georgiana-Aurelia-Ciucur-640x472 (1)ana Aureliana Ciucur 19 anni, di nazionalità romena ma residente a Canicattì che nel settembre del 2015 era stata arrestata dai carabinieri perché insieme al suo “protettore”, Leonard Costel Enea 31 anni, ricattavano un anziano di 75 anni di Canicattì con il quale la donna aveva avuto dei rapporti sessuali. I due dopo avere fotografato l’uomo durante un’amplesso gli avevano chiesto poi 5 mila euro in cambio del loro silenzio. Stanco per le vessazioni subite il canicattinese aveva denunciato tutto ai carabinieri che avevano fatto scattare la “trappola” ammanettando i due. La ragazza era difesa dall’avvocato Paolo Ingrao ed ha patteggiato la pena. L’anziano si è costituito parte civile assistito dall’avvocato Carmen Augello. Per il “protettore” Leonard Costel Enea, ammesso al rito abbreviato il processo davanti al Gup Stefano Zammuto si aprirà il prossimo 3 maggio.

Loading...

Articoli Simili

Loading...
Copy
Su