Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Canicattì > Bullismo, minacce ed estorsione. I carabinieri di Canicattì arrestano 21enne marocchino

Bullismo, minacce ed estorsione. I carabinieri di Canicattì arrestano 21enne marocchino

Himdi NabilAragona. I carabinieri di Canicattì hanno arrestato Nabil Himdi, 21enne di famiglia marocchina, che nell’ultimo periodo ad Aragona aveva più volte minacciato ed estorto denaro a un diciassettenne.

Loading...

Come raccontato dai carabinieri, tutto è cominciato nel dicembre 2015 quando il giovane aveva subito una rapina di 30 euro e, pensando che fosse stato un evento sporadico e non avendo avuto il coraggio, non denunciò l’accaduto alle forze dell’ordine né lo riferì a genitori o insegnanti. Ma, sfruttando la sua “fama” da duro, Himdi costrinse ripetutamente il diciassettenne a versargli 100/150 euro ogni volta che ne faceva richiesta e, in caso di rifiuto, iniziavano le minacce, in alcuni episodi anche mostrando un coltello. Il giovane, non potendo reperire le somme, aveva attinto ai risparmi dei genitori che, una volta accortisi dell’ammanco, hanno messo alle stretti il figlio e, dopo la sua ammissione, lo hanno accompagnato in caserma per formalizzare la denuncia.

Nel pomeriggio il ragazzo avrebbe dovuto versare 100 euro e i carabinieri di Canicattì si sono presentati sul posto in borghese e, dopo la consegna dei soldi, sono intervenuti arrestando Himdi che è quindi stato condotto nel carcere Petrusa.

Articoli Simili

Loading...
Copy
Su