Tu sei qui
Home > Sport > Il Canicattì schianta il Marina di Ragusa e sale in quarta posizione

Il Canicattì schianta il Marina di Ragusa e sale in quarta posizione

imageIl Canicattì vince ancora e conquista la decima vittoria nelle ultime undici partite battendo il Marina di Ragusa. Una prestazione convincente, una vittoria netta che vale il sorpasso al quarto posto ai danni dell’Atletico Gela e che permette ai biancorossi di mettere nel mirino il Ragusa Calcio, avanti di un punto e con una partita in più. Grande protagonista di giornata Gaetano Falsone, figlio del mister Giovanni, che mette lo zampino in tre gol.

Loading...

Al secondo minuto proprio Falsone entra in area e viene anticipato in uscita bassa da Sisino. Sull’azione successiva Di Pasquale sfrutta un errore della difesa del Canicattì e si invola verso la porta ma Sarcuto in tuffo salva il risultato. È l’unico brivido firmato dagli ospiti in una partita che sarà totalmente dominata dal Canicattì che sblocca il risultato al 14′ con Cambiano sugli sviluppi di un calcio di punizione, una sorta di corner corto. La traiettoria di Settecase quasi beffa Sisino, quindi la sfera, raccolta sul secondo palo, viene rimessa in mezzo dove Cambiano di testa appoggia in rete per il vantaggio biancorosso.

Al 24′ i padroni di casa vanno vicini al raddoppio con Martino che, dopo una percussione solitaria da sinistra, calcia sull’esterno della rete.

Al 36′ Falsone trova il raddoppio. Gran palla di Settecase che premia il taglio del figlio del mister che a tu per tu batte Sisino. Dopo tre minuti l’estremo difensore ragusano è prodigioso nel negare il terzo gol a Settecase e Cambiano. Quindi al 45′ Falsone si divora il terzo gol.

Il secondo tempo si apre sempre in chiave biancorossa con Settecase che ci prova con un sinistro a giro dal limite che termina alto non di molto e Falsone che manca di un soffio il tap in vincente dopo una grande giocata di Cambiano. Al 55′ piove sul bagnato per il Marina di Ragusa per l’espulsione di Grimaldi per doppia ammonizione. Sulla punizione Maggio fa sponda per Falsone che dal limite dell’area piccola trova il gol del 3 – 0. Passano due minuti e il Canicattì cala il poker: Cambiano mette in mezzo, Sisino salva su Falsone e Martino deposita nella porta sguarnita.

La partita, ormai in ghiaccio, diventa pura accademia per il Canicattì che controlla agevolmente il gioco e al 70′ sfiora anche il quinto gol.

 

Articoli Simili

Loading...
Copy
Su