Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Canicattì > Canicattì, l’assessore Farruggio risponde alla sesta commissione: “polemiche inutili”.

Canicattì, l’assessore Farruggio risponde alla sesta commissione: “polemiche inutili”.

farruggio“Sono delle inutili polemiche”. L’assessore alla Cultura ed alla Pubblica Istruzione del comune di Canicattì Chiara Farruggio risponde alle accuse mosse dai componenti della sesta commissione consiliare che hanno sostenuto come l’esponente della giunta guidata da Vincenzo Corbo non abbia per ben tre volte partecipato alle riunioni della  stessa commissione nonostante si dovesse discutere di argomenti importanti per la città come la situazione delle scuole. “ La mia partecipazione alla seduta della sesta commissione- dichiara l’assessore Farruggio- era superflua perché soltanto pochi giorni prima avevo presentato una relazione dettagliata sulla situazione delle scuole di Canicattì durante la mia audizione presso la prima commissione ( vedi verbale allegato) di cui fanno parte molti consiglieri della sesta. Quindi, la seduta del 28 gennaio della sesta commissione appariva superflua anche perché tutto sommato si sarebbe  trattato di una ripetizione. Inoltre, ha comportato per le casse comunali uno spreco di denaro considerato che la riunione è durata pochi minuti. I componenti della sesta commissione, a questo punto- aggiunge-  avrebbero anche potuto rinviare la seduta ed invece hanno deciso di prendere la presenza, intascare il gettone e abbandonare la riunione. Mi viene  contestata- aggiunge Chiara Farruggio- .la mia mancata partecipazione alle riunioni del consiglio comunale. Voglio evidenziare come sino ad oggi non ci sono stati all’ordine del giorno dell’assemblea cittadina argomenti in discussione che hanno riguardato i miei assessorati. Quindi non vedo il motivo per il quale fosse stata necessaria la mia presenza. Tanto se  i consiglieri di opposizione hanno da fare demagogia ed offendere chi amministra la città lo fanno tranquillamente senza la presenza dei diretti interessati in aula. Ritengo, inoltre,  superflui ed offensivi alcuni  commenti che sono stati rilasciati sui social che provengono soprattutto da consiglieri comunali i quali secondo una mia opinione sono gli stessi che ad oggi hanno remato contro questa amministrazione impedendole di lavorare liberamente ed a favore dei cittadini., La mancata approvazione in tempo del bilancio 2015 è la prova di come non sappiano minimamente tutelare gli interessi dei cittadini che li hanno eletti. “Per me fare politica – conclude Chiara Farruggio- non significa partecipare alle sedute delle commissioni consiliari o ai consigli comunali se non necessario  ma ha un altro obiettivo: operare per il bene e la crescita della comunità: incontrare i dirigenti scolastici, accogliere le esigenze dell’utenza scolastica, fare in modo di far crescere culturalmente la città organizzando eventi ai quali quasi tutti i consiglieri seppur invitati ufficialmente non hanno mai partecipato”.

 

verbale86 VI COMMISSIONE

 

 

Pubblicità Lirenas Gas

Ultime news

Su