Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > Droga: sgominato asse tra Napoli e Palermo

Droga: sgominato asse tra Napoli e Palermo

carabinieriUn nuovo asse fra cosa nostra e camorra per il traffico di stupefacenti. Le indagini della squadra mobile di Palermo diretta da Rodolfo Ruperti hanno fatto scattare un blitz questa notte, sono sette le ordinanze di custodia cautelare eseguite. Nel corso degli ultimi tre anni, l’inchiesta coordinata dal procuratore aggiunto Teresa Principato ha consentito di sequestrare oltre mezza tonnellata di hashish e cocaina che arrivava da Napoli in Sicilia attraverso una rete di insospettabili corrieri. Il giro d’affari ricostruito era di circa cinque milioni di euro. Tra gli arrestati ci sono anche alcuni soggetti ritenuti contigui a cosa nostra perché vicini alle famiglie mafiose di Brancaccio e Porta Nuova. L’organizzazione poteva contare sulla preziosa collaborazione di un insospettabile colletto bianco per nascondere la droga, si tratta di un impiegato di un ufficio di consulenza fiscale: era lui a stipulare contratti di affitto di box e magazzini senza che la cosa destasse alcun sospetto.

Loading...

L’indagine della sezione Narcotici prosegue, per cercare di risalire alla rete

dei fornitori. La droga veniva stipata in nascondigli davvero ingegnosi all’interno di auto e furgoni. In molti casi, non è stato davvero facile svelare i carichi. Anche perché i corrieri erano davvero al di sopra di ogni sospetto: pensionati, impiegati, commercianti. Tutti alla ricerca di facili guadagni. E invece sono finiti in manette con l’accusa di traffico di droga. Adesso, gli inquirenti sperano che qualcuno di loro sveli i nomi dei signori della droga.

 

 

Articoli Simili

Loading...
Copy
Su